8.3 C
Comune di Legnano
sabato 23 Gennaio 2021

La voce degli studenti in piazza: la scuola a distanza non può più essere un’alternativa

Ti potrebbe interessare

Scendono ancora i prezzi delle RcAuto

Costano sempre meno le polizze assicurative RcAuto: come diffuso dal bollettino dell’IVASS, l'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, nel corso del terzo trimestre del...

Addio a Roberto Brivio storico chansonnier de “I Gufi”

Dopo Gianni Magni e Nanni Svampa se ne va all'età di 82 anni, stroncato dal Coronavirus, anche Roberto Brivio attore, cantante, cabarettista e membro...

Protestano i detenuti del carcere di Varese

Alcune ore di tensione ieri pomeriggio, venerdì 22 gennaio, nel carcere di Varese dopo che alcuni detenuti hanno inscenato una protesta, che fortunatamente non...

Incidente tra un’automobile e una bicicletta: il traffico si blocca sul Sempione a Legnano

E’ successo ieri sera, venerdì 22 gennaio, lungo il Sempione all’altezza di via Barlocco: un’automobile si è scontrata una bicicletta. Ad avere la peggio il...

Si è svolta ieri una particolare manifestazione di protesta anche a Milano, come in altre città in tutta Italia, inscenata da un gruppo di studenti delle scuole superiori, davanti al palazzo della Regione, per richiamare l’attenzione sulla necessità di tornare in classe, perché la DAD, la didattica a distanza, non basta più, anzi, non può continuare a rappresentare l’alternativa alle lezioni.

Ieri, lunedì 11 gennaio, anche le scuole superiori avrebbero dovuto riaprire, invece il ritorno degli studenti a scuola è stato posticipato al 25 gennaio dal presidente della Lombardia, Attilio Fontana.

I giovani che non hanno presenziato al presidio davanti al Pirellone, hanno protestato via web, disertando le lezioni on line, mettendosi davanti alle videocamere con dei cartelli che spiegavano l’astensione alla DAD.

Gli studenti hanno presentato a Fontana un documento con delle proposte per ritornare a scuola al più presto, in sicurezza: la presenza di presidi medici in ogni istituto, il potenziamento del trasporto pubblico per arrivare a scuola, l’assunzione di più personale scolastico, protocolli più chiari.

Anche il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina si è detta vicina agli studenti e d’accordo che si debba creare misure utili al loro pronto ritorno sui banchi.

Articoli correlati

Pochi sotto la pioggia ma determinati: i commercianti di Parabiago protestano davanti al Comune

Pacifica quanto determinata la manifestazione dei commercianti che si è svolta ieri pomeriggio, venerdì 22 gennaio, in piazza della Vittoria, davanti al municipio di...

Dati sbagliati o interpretati male: la Lombardia torna in zona arancione

Un errore nei dati utilizzati per stabilire il colore delle restrizioni per la regione Lombardia è stato commesso, anche se non è ancora chiaro...

Una TARI da 8mila euro dopo mesi di chiusura? Perché sono aperti gli autogrill? La protesta dei ristoratori in piazza

Come è possibile trovarsi una tassa dei rifiuti da pagare di 8mila euro, quando per mesi le attività sono state interrotte e gli esercizi...

Gli studenti incontrano il sindaco di Milano: Sala d’accordo con le loro istanze

Giorni di protesta e di manifestazioni pacifiche, quelle degli studenti delle scuole superiori anche a Milano, contro la didattica a distanza, hanno caratterizzato la...

I commercianti di Busto Arsizio in piazza contro le restrizioni del governo

Hanno aderito in circa cinquanta, i commercianti di Busto Arsizio, che si sono ritrovati ieri, sabato 16 gennaio, in piazza Santa Maria, all’iniziativa organizzata...