giovedì, 27 Gennaio 2022

La Fujitsu chiude la sede di Milano: a casa duecento lavoratori

Il destino di centonovanta dipendenti della sede della Fujitsu di Milano è ben lontano dall’essere roseo, con la prospettiva annunciata ieri mattina del trasferimento dell’azienda oltre Manica.

La direzione della nota azienda giapponese di informatica, l’ha reso noto alle rappresentanze sindacali Fim CISL: per una cosiddetta fase di “riorganizzazione”, è previsto il trasferimento della produzione nel Regno Unito.

Se ciò accadrà, in termini pratici, si ritroveranno senza lavoro i dipendenti della sede milanese di via Spadolini, poco meno di duecento persone.

Come spiegato ai sindacati, l’Italia non sarebbe più in grado di supportare la crescita dei servizi offerti da Fujitsu.

I lavoratori, impiegati e dirigenti “a rischio”, hanno già concordato lo stato di agitazione che avrà inizio il mese di aprile.

Secondo i sindacati, è necessario da parte del Governo rivedere il piano strategico industriale dell’intero Paese, che le multinazionali considerano non più all’altezza per stabilirvi e mantenervi le proprie attività.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI