Busto Arsizio – La Pl in un report da record

Più di 24mila sanzioni per soste vietate, più di duecento veicoli rimossi, seicento incidenti stradali: sono soltanto alcune delle cifre che si possono consultare nel report dell’attività della Polizia locale di Busto Arsizio, relativo al 2018, presentato nei giorni scorsi.

Nell’insieme, come è stato rilevato anche dal sindaco Emanuele Antonelli, con l’assessore alla Sicurezza Massimo Rogora e il comandante Claudio Vegetti, si è registrato un incremento del 9,5% delle violazioni al Codice della strada (36.759 nel 2018 e 33.553 nel 2017), variazione da attribuire “al grande impegno profuso dal personale nel reprimere le condotte in contrasto alle norme di comportamento del Codice stesso” .

Come si legge nel report, “più di quattrocento i verbali per l’utilizzo di apparecchi telefonici durante la guida, una delle sanzioni più ricorrenti, insieme al mancato uso delle cinture di sicurezza (775). Ben 1.463 le auto senza revisione, 383 quelle senza assicurazione. Altrettanto interessanti i dati relativi alle attività di studio sugli incidenti: sono stati complessivamente rilevati 616 sinistri stradali, ma con un minor numero di feriti. A fronte di un complessivo aumento dei sinistri rilevati dalla Polizia Locale, emerge infatti che nel 2017 gli incidenti con feriti rappresentavano il 59,8% del totale, mentre nel 2018 la percentuale è scesa al 53,2%. Tra le cause più frequenti ci sono la distrazione e la velocità elevata (191) e le mancate precedenze (189). Purtroppo 5 incidenti hanno avuto esito mortale, incidenti caratterizzati da particolare complessità e quindi oggetto di indagini peculiari, anche in relazione ai reati di omicidio stradale e lesioni stradali gravi e gravissime”.

L’assessore Rogora ha evidenziato “l’elevata competenza del corpo di Polizia Locale, l’ottimo lavoro e i continui miglioramenti, pur in carenza di personale: stiamo lavorando bene, questo è un punto di partenza per ulteriori miglioramenti”, un plauso anche dal sindaco Antonelli: “Visti i numeri, questi uomini fanno miracoli e trovano il tempo anche per le importanti attività di educazione alla sicurezza rivolte ai più giovani”.

Particolare successo hanno ottenuto anche i servizi della Polizia locale svolti nelle scuole, con le ore dedicate all’Educazione stradale per bambini  e ragazzi, quindi la “Vigilanza di quartiere” che ha permesso di garantire una vigilanza più adeguata nei vari quartieri con 1.748 controlli espletati nel corso del 2018, su disservizi o anomalie.

print