13.9 C
Comune di Legnano
martedì 11 Maggio 2021

Termina la stagione influenzale: ma è davvero cominciata?

Ti potrebbe interessare

Lavori al Centro Multiraccolta di Busto Arsizio: chiuso per una settimana

Da oggi lunedì 10 maggio il Centro Multiraccolta di via Tosi ang. via dell’Industria, a Busto Arsizio, sarà oggetto di un particolare intervento di...

AEMME Linea Ambiente ottiene gli stessi favorevoli riscontri del 2020

Il giudizio non si discosta molto da quello dello scorso anno: il lavoro di AEMME Linea Ambiente continua, infatti, a ottenere il consenso dei...

Al Teatro Tirinnanzi di Legnano oggi la presentazione del libro dedicato a Felice Musazzi

Si terrà oggi, lunedì 10 maggio, alle 18, al Teatro Città di Legnano “Talisio Tirinnanzi”, la presentazione ufficiale del libro dedicato a Felice Musazzi,...

Mascherine addio? Sì, quando almeno 30 milioni di italiani si saranno vaccinati

Potrebbero bastare 30 milioni di italiani già sottoposti alla prima dose di vaccino anti Covid-19, per dire basta alle mascherine indossate all’aperto. Mentre si ragiona...

Il bollettino InfluNet, coordinato dall’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità, fa il punto della situazione, in questi primi di maggio, annunciando la fine della stagione influenzale, che racconta di un’epidemia di fatto mai cominciata, anche perché nessun virus influenzale vero e proprio è stato isolato in questi mesi.

Poco più di 2 milioni di casi di sindromi definite “simil influenzali” hanno caratterizzato il periodo invernale e primaverile, proprio dell’influenza: 0,85 casi per mille cittadini. Circa 51mila i casi relativi all’intera popolazione nazionale, per circa 2milioni e 431mila casi da quando ha avuto inizio la sorveglianza stagionale dell’influenza, 2020-2021.

Meno occasioni di contatto tra le persone, per il Covid-19, meno possibilità di uscire di casa, meno giorni trascorsi a scuola o nelle sedi di lavoro, meno attività sportive nelle palestre (vietate del tutto), l’uso della mascherina a proteggere anche dagli sbalzi termici, da germi e batteri: numerosi fattori potrebbero aver contribuito ad un calo delle influenze di stagione.

Articoli correlati