3.1 C
Comune di Legnano
giovedì 21 Gennaio 2021

Si chiama #IoApro la protesta dei ristoratori che ha già raccolto più di 50mila adesioni

Ti potrebbe interessare

Rapinano i loro coetanei minorenni: arrestati due baby rapinatori seriali nel Milanese

E’ successo nelle scorse ore: i Carabinieri della Tenenza di San Giuliano Milanese hanno eseguito un’ordinanza cautelare con il collocamento in comunità a carico di...

Nuove attrezzature per i Vigili del fuoco di Luino grazie agli “Amici dei pompieri”

L'associazione “Amici dei Pompieri di Luino ODV”, ha formalizzato la procedura col Comando Provinciale di Varese e consegnato 7mila euro di attrezzature agli operatori...

Diamo una nuova mano a Leonardo: prosegue la raccolta fondi per il 15enne infortunato

Intervistato questa mattina dai microfoni di Radio Delta Live, la diretta di Radio Delta International con Rudy Neri e Lisa Ferrario alla consolle, il...

BabyBox a Parabiago: l’Amministrazione comunale replica e raddoppia il contributo alle nascite

La buona riuscita dell’iniziativa “BabyBox” nel corso del 2020, avviata in via sperimentale da parte dell’Amministrazione comunale di Parabiago, ha convinto alla giunta a...

Potrebbe essere attuata veramente l’apertura dei ristoranti da domani, venerdì 15 gennaio, come previsto dal movimento #IoApro, che avrebbe raccolto in questi giorni più di 50mila adesioni in tutta Italia.

L’iniziativa che si è diffusa via social, invita i gestori di ristoranti (e in alcune regioni anche dei commercianti) ad ignorare le regole che impongono la chiusura anti Covid-19, lavorando nonostante i divieti, ma in sicurezza, garantendo il distanziamento tra i tavoli e l’obbligo delle mascherine.

Alla base della protesta, definita “gentile”, la necessità di lavorare, di non chiudere dopo settimane di incertezza e fermo, che stanno causando il fallimento di numerose attività.

I promotori di #IoApro sono coloro che, a suo tempo, hanno investito nei loro locali per metterli in sicurezza, adottando soluzioni anti contagio. Tuttavia non avranno da domani l’appoggio della Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) Confcommercio, l’associazione di categoria, i cui vertici auspicano un confronto con le istituzioni per risolvere la situazione, anziché aprire illegalmente i locali.

Il fine settimana si annuncia “caldo” in attesa del nuovo DPCM, che tuttavia dovrebbe prevedere altre restrizioni. I ristoratori che stanno abbracciando l’idea della protesta avrebbero anche stilato un loro insieme di regole da rispettare: chiusura alle 21.45, obbligo della mascherina e tavoli riempiti a metà.

Alla riapertura potrebbero partecipare anche bar, teatri, cinema e palestre, tutti passibili di sanzioni.

Articoli correlati

Gli studenti incontrano il sindaco di Milano: Sala d’accordo con le loro istanze

Giorni di protesta e di manifestazioni pacifiche, quelle degli studenti delle scuole superiori anche a Milano, contro la didattica a distanza, hanno caratterizzato la...

I commercianti di Busto Arsizio in piazza contro le restrizioni del governo

Hanno aderito in circa cinquanta, i commercianti di Busto Arsizio, che si sono ritrovati ieri, sabato 16 gennaio, in piazza Santa Maria, all’iniziativa organizzata...

“Il nostro futuro nelle vostre mani e ce lo avete tolto”: prosegue la protesta degli studenti a Milano

Sono due le scuole superiori che a Milano questa mattina, venerdì 15 gennaio, hanno continuato a manifestare, come accade da giorni, contro la didattica...

La voce degli studenti in piazza: la scuola a distanza non può più essere un’alternativa

Si è svolta ieri una particolare manifestazione di protesta anche a Milano, come in altre città in tutta Italia, inscenata da un gruppo di...

Trattativa in corso e futuro incerto per i lavoratori della Altasfera di Busto Arsizio

Proseguono anche con l’inizio del nuovo anno le trattative per l’acquisizione, o meno, della ditta Altasfera di Busto Arsizio, che ha sede in corso...