Rogo di Pasqua: paura in Valcamonica per le dispersioni di inquinanti

(Foto ANSA)

Potrebbe avere origine dolosa l’incendio che nella notte tra sabato e domenica, giorno di Pasqua, ha distrutto un capannone della ditta Valcart di Rogno, azienda di rifiuti dell’Alto Sebino, in Valcamonica.

Dopo aver spento le fiamme, squadre speciali dei Vigili del fuoco da Bergamo e Brescia stanno ancora effettuando degli accertamenti per stabilirne le cause, e se il fumo generatosi dalle fiamme abbia disperso sostanze inquinanti nella zona, arrivato anche a Lovere e a Costa Volpino.

Il sindaco di Rogno, Dario Colossi, ha emesso un’ordinanza urgente invitando i cittadini a chiudere porte e finestre, di case ed attività, ed evitare attività sportive all’aperto, mentre si attende l’esito degli accertamenti specifici, sulla pericolosità delle esalazioni che arrivano dall’incendio.

Sul posto hanno lavorato nelle scorse ore anche i Carabinieri della compagnia di Clusone e del comando di Bergamo.

print