martedì, 25 Gennaio 2022

Lunedì 11 gennaio l’economia si interroga sul futuro a Rescaldina

Si svolgerà lunedì 11 gennaio alle 18.30 un incontro on line con gli economisti Massimo Amato (Università Bocconi MINTS) e Francesco Saraceno (Sciences Po e Luiss). L’appuntamento è organizzato da “La Tela”, l’osteria sociale del buon essere di Rescaldina, e da Ecoistituto della Valle del Ticino.

Come si legge nella presentazione dell’incontro, tra un’emergenza Covid che, grazie all’arrivo dei vaccini, fa intravvedere una luce in fondo al tunnel e una crisi economica che ha messo in discussione i modelli finora adottati, l’osteria sociale “La Tela” di Rescaldina e l’Ecoistituto della Valle del Ticino alzano lo sguardo e provano a delineare le strade per una ripartenza. L’incontro si intitola: “Europa: nuove prospettive dopo la crisi del Covid”. Un appuntamento che vuole essere momento di discussione e confronto per cogliere i cambiamenti in atto e muovere i passi verso quella che potrebbe essere un’Europa economicamente più solidale e, quindi, politicamente più solida. I due esperti economisti saranno intervistati da Alessandro Bonetti (Kritica Economica), e cercheranno di leggere il presente, dando risposte su quello che potrà essere il prossimo futuro.

“Di fatto, il Covid ha reso ancora più precari molti equilibri già indeboliti profondamente dalla crisi del 2008. In particolare, è saltato un dogma che in Europa durava da decenni: evitare ad ogni costo politiche fiscali espansive e il conseguente aumento del debito pubblico. Questa è stata una rottura, un’inversione di tendenza rispetto alle scelte neoliberiste che hanno caratterizzato le politiche economiche dell’Unione Europea. Cosa ci aspetta allora? Tra un ritorno alle politiche economiche dei cosiddetti “trenta (anni) gloriosi” e il salto di coraggio per accettare le sfide che si stanno aprendo, occorre capire l’oggi per scegliere quale domani vogliamo costruire”.

L’incontro sarà trasmesso in diretta sulle pagine Facebook e Youtube de “La Tela” e dell’Ecoistituto della Valle del Ticino.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI