domenica, 29 Maggio 2022

La pressione fiscale colpisce soprattutto il Nord e più di tutti i lombardi

Il sistema tributario pesa maggiormente sui cittadini lombardi, che sono i contribuenti più “disponibili”, loro malgrado, rispetto al resto d’Italia.

E’ questo il risultato di uno studio condotto dalla CGIA, la Confederazione Generale Italiana degli Artigiani, che ha analizzato i versamenti obbligatori allo Stato regione per regione, suddividendo gli italiani anche in fasce di età e tipologia di lavoro.

Dove il fisco richiede meno sforzo ai suoi contribuenti è in Campania, Sicilia e Calabria, con un gettito medio pro capite rispettivamente di 5.703, 5.610 e 5.436 euro: nel Sud e nelle isole l’incidenza totale di tasse e tributi è pari quasi alla metà di quello che incide sui residenti del Nord Ovest, vale a dire in Lombardia.

“Nell’insieme, nel 2017 la pressione fiscale in Italia dovrebbe attestarsi al 42,5%. A livello europeo nel 2016 l’Italia si è collocata al settimo posto con una pressione fiscale del 42,9%: 2,8 punti in più della media europea e 1,6 punti superiori al dato medio dell’area euro”, come si legge in una nota diffusa dall’ANSA.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI