mercoledì, 28 Febbraio 2024

Ci sono due indagati per le minacce rivolte al sindaco di Milano Sala

(Foto RAI)

La Polizia di Stato ha perquisito le abitazioni dei due soggetti indagati per le minacce gravi rivolte al sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Si tratta di due uomini di 50 anni, che hanno ammesso le loro responsabilità, e ai quali gli agenti hanno sequestrato il computer e i telefoni cellulari. Le perquisizioni nelle loro abitazioni, coordinate dalla Digos di Milano e dalla Direzione Centrale Polizia di Prevenzione, sono state effettuate dai poliziotti di Vercelli e Cagliari.

I due indagati, senza precedenti di polizia, sono utenti della chat Telegram appartenenti al movimento “No Green Pass”. Uno dei due è un sottufficiale della Marina militare, ora non in servizio perché No vax. Sarebbe l’autore di minacce e insulti a Sala diffusi sulla chat “Basta Dittatura – proteste”. Il secondo è un 51enne della Sardegna, che ha diffuso analoghi messaggi ingiuriosi e minacce.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI