lunedì, 27 Maggio 2024

Frode fiscale ai danni dell’Unione Europea: la GdF arresta il presunto truffatore e sequestra quasi 4 milioni di euro

I finanzieri del Comando Provinciale Milano hanno arrestato questa mattina, giovedì 16 maggio, un soggetto indagato per frode fiscale, truffa ai danni dell’Unione Europea, bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio e stanno procedendo al sequestro preventivo finalizzato alla confisca di disponibilità finanziarie e beni mobili per oltre 3,6 milioni di euro, come disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma.

Come si legge in una nota, le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Milano, hanno permesso di ricostruire un’articolata frode all’IVA perpetrata da una società romana, attiva nel settore del commercio all’ingrosso di profumi e cosmetici, amministrata di fatto da un soggetto formalmente residente all’estero, che ha avviato una particolare azione contabile delittuosa, indicando un credito IVA fittizio per abbattere il debito derivante dall’emissione di fatture per operazioni inesistenti, nei confronti di numerosi esercizi commerciali.

Le attività investigative hanno permesso anche di riscontrare che l’azienda romana ha avuto accesso indebitamente a consistenti finanziamenti, assistiti da garanzie pubbliche concessi da diversi Istituti di credito a fronte della presentazione di documentazione fasulla.

Tali condotte hanno permesso all’indagato di ottenere ingiusti profitti, parte dei quali sono stati riciclati all’estero tramite ulteriori schermi societari a lui riconducibili, sottraendo risorse dall’impresa ai danni dei creditori, e portando così la società al fallimento.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI