Cerca
Close this search box.
domenica, 14 Luglio 2024
domenica, 14 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

VARESE – Pakistano tentava di rivendere i ticket del parcheggio non ancora scaduti: denunciato

(Foto da web)

Ormai non basta più controllare che chi parcheggia negli spazi a pagamento abbia regolarmente pagato al parcometro, esponendo poi il bigliettino in modo visibile sul cruscotto. Ovviamente, occorre anche controllare che il biglietto esposto sia relativo al giorno in cui l’auto è parcheggiata e il tempo autorizzato non sia scaduto.
Sì, perché c’è sempre chi confida nella assenza o nella superficialità dei controlli, pensando di farla franca, magari esponendo il bigliettino di un parcometro staccato qualche giorno prima e già utilizzato. E’ lo stesso fenomeno, – incredibile a dirsi, ma verificato più volte -, di chi si appropria della multa lasciata sotto il parabrezza di un auto in divieto di sosta, per parcheggiare a sua volta in divieto, infilando la stessa multa sotto la propria auto, pensando di poterla fare franca.
Da qualche tempo, in alcune città, si è verificata la presenza di persone che, approfittando della buona fede degli automobilisti che stanno lasciando il parcheggio, si fanno lasciare il tagliando del parcometro e, se questo non è ancora scaduto, lo rivendono a nuovi arrivati, ovviamente a prezzo inferiore. In questo modo, con lo stesso biglietto, più persone e più veicoli possono parcheggiare, sfruttando i minuti rimasti inutilizzati dal primo acquirente, che è anche l’unico che ha regolarmente pagato la sosta al parcometro.
Se si trattasse di un atto di gentilezza di chi, prevedendo di sostare a lungo, si ritrova a dover lasciare anzitempo il parcheggio già pagato, decidendo di lasciare il proprio ticket ad un nuovo arrivato, non saremmo nel pieno della liceità ma si potrebbe anche tollerare.
“Ciò che è intollerabile”, – spiega l’assessore alla Polizia Locale, Carlo Piatti -, “è che ci sia chi voglia lucrare su questo, magari estorcendo in modo non sempre ortodosso il ticket a chi sta lasciando il parcheggio. Questo non è tollerabile ed è per questo che la Polizia Locale di Varese è intervenuta prontamente per stroncare il tutto sul nascere.
L’assessore spiega che la Polizia Locale del capoluogo è subito intervenuta su segnalazione del direttore generale di AVT, fermando un cittadino pakistano di anni 28, che assieme ad un altro soggetto, per ora sfuggito alla Polizia Locale, tentava di rivendere i tagliandi già utilizzati nell’area a pagamento di Piazzale Kennedy.
Il cittadino Pakistano, in Italia in qualità di richiedente asilo, è stato fermato attorno alle 14.30 di mercoledì 16 dicembre e gli è stata contestata la violazione al codice della strada per esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore, con sanzione di € 771; lo stesso soggetto sarà indagato per tentata truffa ai danni della società pubblica di gestione dei parcheggi.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings