mercoledì, 1 Febbraio 2023

Un’azienda del territorio sceglie di adottare un bosco: la Hfiltration per il Parco Alto Milanese

L’impegno è preso: l’azienda Hfiltration fino al 2025 si prenderà cura di una nuova porzione di bosco che sarà annessa al Parco Alto Milanese. Si tratta di più di trecento alberi su una superficie di più di 2mila metri quadrati, in grado di assorbire ogni giorno circa 100 kg di CO2. Il progetto porterà diversi benefici sul territorio, in termini ambientali sia per il supporto alla fauna locale, sia per il filtraggio dell’aria e il rinfoltimento dell’area verde nell’Alto Milanese. E, in particolare, è Human & Friendly la divisione aziendale che sostiene la protezione dell’ambiente, e supporta cause sociali per valorizzare l’azienda. 

Come si legge in una nota, tra le principali iniziative green di HF Group c’è questo progetto patrocinato dal Consorzio Alto Milanese, che ha coinvolto partner e clienti, dedicato alla piantumazione di 320 alberi nella zona di Legnano, i quali concorreranno all’ampliamento del Parco Alto Milanese. Il bosco HFiltration è composto da piante arbustive e arboree autoctone per supportarne la biodiversità. In particolare, con la consulenza di un agronomo, l’azienda ha scelto di piantare aceri, tigli e biancospini, che garantiscono una grande produzione di bacche, fiori e frutti e pertanto sono in grado di alimentare la fauna locale che a sua volta, nutrendosene, fertilizza il terreno. Sono piante capaci di catturare gli insetti buoni, come api e farfalle, incrementando così la sostenibilità del bosco.

Ad oggi annualmente le piante assorbono 18 tonnellate di CO2 circa: si stima che il parco tra sei anni sarà in grado di assorbirne 36,5. Superati i sei anni, il bosco dovrà essere lasciato in autonomia per limitare lo spreco idrico e abituare le radici a cercare l’acqua in profondità, rendendole capaci di affrontare i momenti di maggiore siccità. Non sono previsti trattamenti chimici di supporto, sia perché si tratta di un terreno agricolo di buona qualità, sia perché vi sono insetti buoni in grado di aiutare la sopravvivenza del bosco.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI