16.9 C
Comune di Legnano
giovedì 24 Settembre 2020

Riuscito l’intervento di chirurgia “sotto ipnosi” all’ospedale di Legnano

Ti potrebbe interessare

Al via domani la “Showcase” a Canegrate

Dopo un fine settimana dedicato al cinema, Canegrate si rituffa in una nuova avventura culturale con l'evento live “Showcase”, la nuova rassegna...

Team Legnano Nuoto: quanti atleti!

Ad una settimana dalla partenza degli allenamenti del nuovo progetto sportivo targato “Team Legnano Nuoto”, sono già 120 gli atleti che hanno...

Saranno mesi di “resistenza”. I prossimi, contro il Coronavirus

Lo ha dichiarato nelle scorse ore il ministro della Salute Roberto Speranza: “I prossimi mesi non saranno facili, anzi, saranno i mesi...

E Delta Live adesso è a Somma Lombardo

Nuova “trasferta” per Radio Delta Live, la trasmissione mattutina di Radio Delta International, che da ieri, martedì 22 settembre e per quattro...

Successo ieri all’ospedale di Legnano, nell’Alto Milanese, per l’equipe dell’Unità Operativa di Neurochirurgia, diretta dallo specialista Roberto Stefini.

Un paziente è stato operato chirurgicamente di “craniotomia” ed “evacuazione di ematoma sottodurale” attraverso sedazione ipnotica.

Come raccontato dal nosocomio, l’utilizzo dell’ipnosi in sostituzione dell’anestesia è stata proposta al paziente dopo una preparazione preliminare di tre sessioni, per verificare la sua capacità di raggiungere lo stato di “trance”: un elettroencefalogramma eseguito nel corso di queste sedute ha verificato il reale raggiungimento di questo stato.

Nel corso dell’intervento non è stato somministrato alcun farmaco sedativo; i medici sono ricorsi esclusivamente ad una minima infiltrazione di anestesia locale, a livello cutaneo, a seguito di una sensazione di disagio evidenziata dal viso del paziente attraverso comunicazione non verbale.

Conclusa l’operazione chirurgica, il paziente è stato immediatamente riportato in reparto in completo relax, riferendo una sensazione di benessere. “Utilizzare tecniche di induzione ipnotica rappresenta una rivoluzione nel campo dell’anestesiologia moderna, e consente di evitare l’utilizzo massivo di farmaci quindi di ridurre in maniera significativa lo stress correlato all’intervento chirurgico”, come si legge in una nota.

Articoli correlati