sabato, 27 Novembre 2021

Potenziamento Rho-Gallarate: i cittadini espropriati devono saperne di più

“Un’opera strategica che richiede un’informazione maggiormente vicina ai cittadini”. Parole del sindaco di Parabiago Raffaele Cucchi, intervenuto questa mattina, giovedì 1 luglio, alla seduta della Commissione Infrastrutture di Regione Lombardia in merito al progetto di potenziamento ferroviario della tratta Rho-Gallarate.

“Da sempre il Comune di Parabiago ritiene che il potenziamento della linea ferroviaria Rho-Gallarate, sia un’opera strategica che migliorerà il servizio dei trasporti su ferro, diminuendo l’impatto ambientale della mobilità su gomma a favore del territorio, tanto è vero che prevede anche il collegamento con Malpensa. È un’opera che aspetta di essere realizzata da molti anni, con un progetto il cui iter procedurale è stato più volte arrestato, che ora vede un’accelerazione sperando che si giunga, a breve, alla fase di realizzazione.

Mi preme ricordare che il potenziamento ferroviario si inserisce in un’opera preesistente, come tale, ha da sempre previsto fasce di rispetto entro le quali poter realizzare, appunto, eventuali interventi di ampliamento. Vorrei, inoltre, portare a tema la necessità di un’informazione più attenta, dettagliata e costante verso quei cittadini coinvolti dagli espropri. Mi sembra importante che Regione Lombardia ed RFI debbano garantire una relazione costante e un canale di comunicazione aperto verso coloro che sono interessati dagli espropri. Proprio per questo, ritengo necessario mantenere un’informazione costante, fino ad ora ritenuta scarsa, che possa accompagnare, spiegare loro cosa accadrà e le compensazioni previste a loro favore”, ha detto Cucchi in Commissione.

Il primo cittadino ha anche sottolineato il valore del progetto quale occasione per trasformare l’asse ferroviario che attraversa più Comuni in un corridoio ecologico attraverso interventi di mitigazione ambientale”.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE