18 C
Comune di Legnano
lunedì 18 Ottobre 2021

Legnano con i suoi cittadini: sconti e aiuti per quasi un milione e 600mila euro sulla TARI 2021

Ti potrebbe interessare

Allarme bomba a Varese: evacuata la sede delle Poste

E’ successo poco prima delle 14.30 di oggi, lunedì 18 ottobre: una telefonata anonima ha avvisato della presenza di una bomba all’ufficio Postale centrale...

Un “Carrello Comune” per aiutare chi colpito dagli effetti della pandemia a Legnano

Da qualche giorno è possibile contribuire alla raccolta fondi a favore dei cittadini colpiti dagli effetti della pandemia attraverso “Carrello Comune”, un progetto di...

Con il cadavere della madre nascosto nell’armadio continuava a riscuoterne la pensione: denunciato un 50enne nel Milanese

E’ successo nelle scorse ore a Buccinasco, nella periferia sud di Milano: i Carabinieri della Compagnia di Corsico sono intervenuti in un appartamento dove...

Si chiama “Ri-scatti” la mostra fotografica sui disturbi alimentari dei ragazzi

Si potrà visitare fino al prossimo 24 ottobre al PAC, a Milano, la settima edizione del progetto di fotografia sociale ideato dalla ONLUS "Ri-scatti",...

E’ stato approvato dal Consiglio comunale di ieri sera, martedì 30 giugno, il piano tariffario per la TARI, il tributo sui rifiuti, con agevolazioni per famiglie e attività economiche maggiormente colpite dall’emergenza Covid-19. Si tratta di sconti e aiuti sulla tassa per 1 milione e 593mila euro in totale.

Il complesso delle risorse che saranno impiegate per attenuare l’impatto finanziario della tariffa dei rifiuti è il risultato di più componenti: 400mila euro già stanziati nel bilancio preventivo 2021, cui si aggiungono 363mila euro provenienti dal residuo di quanto stanziato dal governo per l’emergenza covid 2020 e 830mila euro che saranno riconosciute al Comune di Legnano con il decreto Sostegni Bis del 2021.

“Con questo provvedimento confermiamo nei fatti la vicinanza ai cittadini e alle categorie economiche più colpite dagli effetti dell’emergenza epidemiologica in coerenza con le misure già varate nel corso del 2020. Confermiamo, in particolare, l’attenzione dell’amministrazione per il sostegno all’economia locale e il rilancio delle attività di quelle microimprese che sono parte essenziale del tessuto socio economico della città. Nei loro confronti ci siamo adoperati cercando di coniugare al massimo semplicità ed equità di erogazione attraverso procedure di selezione automatizzate e concentrazione dei supporti sui soggetti maggiormente colpiti dagli effetti dell’emergenza”,  spiega Alberto Garbarino, assessore alla Sostenibilità.

Circa mille e100 le attività economiche colpite dalla seconda ondata pandemica che potranno beneficiare dello sconto TARI, con riduzioni comprese tra il 50 e il 70% dell’importo complessivo del tributo dovuto. Tra queste figurano alberghi, pensioni, affittacamere, agenzie turistiche, commercio al dettaglio di molti beni durevoli, parrucchieri, estetisti, ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, fast-food, bar, caffè, pasticcerie, gelaterie, birrerie, discoteche, esposizioni e autosaloni, ma anche istituti scolastici, scuole di formazione professionale, associazioni sindacali e datoriali, associazioni sportive, culturali, politiche, religiose e di sostegno alla persona. Contrariamente a quanto fatto alla fine dello scorso anno, le attività economiche oggetto dello sconto non dovranno presentare alcuna richiesta; l’applicazione dello sconto sarà, automatica.

Per quanto riguarda le famiglie, in aggiunta ai soggetti già normalmente percettori di specifiche agevolazioni tariffarie a carico del Comune, sarà riconosciuta l’applicazione di uno sconto extra in misura forfettaria (80% della quota variabile di ciascuna utenza) ai nuclei familiari che abbiano subito i maggiori contraccolpi dell’emergenza Covid sul piano lavorativo e della produzione di reddito (cassa integrazione, perdita del posto di lavoro, riduzione dell’orario di lavoro, ecc.). In questo caso, per essere ammesse ai benefici tariffari, le famiglie in difficoltà economica derivante dall’emergenza Covid, dovranno fare domanda e disporre di alcuni requisiti, fra cui un’attestazione ISEE di valore non superiore a 26mila euro. Quantificando in 70 euro lo sconto medio sulla parte variabile della Tari le famiglie che potrebbero godere di questo beneficio si aggirano sul numero di 3mila.

Per facilitare tutti i tipi di utenza il termine di versamento della prima rata di acconto è stato fissato al 30 settembre.

Articoli correlati

Un “Carrello Comune” per aiutare chi colpito dagli effetti della pandemia a Legnano

Da qualche giorno è possibile contribuire alla raccolta fondi a favore dei cittadini colpiti dagli effetti della pandemia attraverso “Carrello Comune”, un progetto di...

Aiutare chi aiuta: Padre Davide di Canegrate racconta il dramma della Guinea Bissau

E’ stato pubblicato i questi giorni sulla pagina Facebook del Comune di Canegrate, un particolare resoconto della situazione in Giunea Bissau, reso da Padre...

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al decreto per il contenimento del caro-bollette

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nelle scorse ore un decreto legge per mitigare gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e...

I milanesi potranno esprimersi sul progetto del nuovo stadio di San Siro

E’ stata avviata nelle scorse ore a Milano una particolare petizione, per chiedere che i cittadini possano esprimersi sul progetto del nuovo stadio di...

Ci sono ancora risorse per ottenere agevolazioni sulla TARI a Legnano

Lo spiega il sindaco di Legnano, Lorenzo Radice, questa mattina, martedì 17 agosto: il Comune dispone ancora di risorse per agevolare i concittadini nel...