30.7 C
Comune di Legnano
venerdì 23 Luglio 2021

Nasce Barbie versione lockdown

Ti potrebbe interessare

A Sumirago colpo in banca da 70mila euro: si cercano tre uomini

E’ successo nella tarda mattinata di oggi, venerdì 23 luglio, a Sumirago: tre ladri, con indosso un passamontagna ma senza armi, sono entrati nella...

Bilancio partecipato a Legnano: partiti gli incontri per i suggerimenti al previsionale 2022

Ha avuto inizio da qualche giorno in Comune a Legnano l’iter partecipativo che servirà per realizzare il bilancio previsionale 2022. Prima tappa l’ascolto delle...

Olimpiadi di Tokio: un minuto di silenzio per le vittime della pandemia. Sfilano le nazioni in nome della speranza

Si è svolta nelle scorse ore di oggi, venerdì 23 luglio, la cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi di “Tokio 2020”, posticipate di un anno...

Panchina distrutta a Canegrate: le immagini delle telecamere al vaglio della Polizia locale

Forse sarebbe meglio che l’ignoto (almeno per ora) responsabile del danneggiamento ad una panchina di piazza Matteotti a Canegrate, si presentasse spontaneamente negli uffici...

E fu così che anche l’iconica bambola pin up “Barbie” (il cui vero nome è Barbara Millicent Roberts nata a Willow in Wisconsin) creata da Ruth Handler moglie del fondatore della Mattel nel 1959, fu suo malgrado vittima del distanziamento sociale.

Con un vero colpo di genio, l’ex modella californiana Tonya Ruiz, da sempre fan della bionda bambola al punto da dedicarle il profilo Instagram @grandmagetsreal, ha raccolto un vero e proprio campionario ironico ma anche abbastanza realistico di vizi, virtù e ossessioni collezionate dalle donne in quarantena forzata, nei mesi della pandemia da Covid-19.

Undici modelli, corredati di accessori, dedicati ai più svariati problemi che hanno attanagliato le donne costrette a casa dal lockdown, hanno trasformato la bionda perfetta bambola californiana in una sorta di “casalinga disperata”, alle prese con il lavoro in smart working, la scuola dei figli online, lievito di birra, con tuta, pigiama e pantofole, circondata dal junk food americano delle ciambelle fritte, alle patatine, alla Coca Cola, ai più colorati donuts con conseguenti risultati sul suo fisico che appare arrotondato, con i capelli screziati dalla ricrescita, o con colori improbabili dati da una tinta “fai da te”, e con l’immancabile telecomando in mano con cui guardare le serie tv.

Naturalmente non può mancare Ken che appare su Zoom, nei mille dispositivi Apple in dotazione a Barbie, vestito non con camicia e cravatta ma con i boxer, abbigliamento tipico dello Yuppie rampante in smart working.
Insomma, la bambola più famosa al mondo resa, almeno per una volta, più umana.

Silvia Ramilli

Articoli correlati

Aumentato il consumo di sigarette con la pandemia: lo denuncia l’ISS

Nei lunghi mesi caratterizzati dalla pandemia e dai lockdown, per contrastare la diffusione del Coronavirus, si è assistito in Italia ad un aumento dei...

I Carabinieri visitano a Milano la mostra fotografica di Carlo Mari dedicata alla loro attività

Il Comandante del Comando Interregionale Carabinieri “Pastrengo”, Gen. C.A. Claudio Vincelli, unitamente ai più alti vertici dell’Arma dei Carabinieri di Milano, si è recato...

C’è anche la Barbie alla Milano Fashion Week

Accompagna la presenza dello stilista Alessandro Enriquez alla Milano Fashion Week, la settimana dedicata alla moda, un vero e proprio simbolo di stile ed...

Le varianti del Covid-19 preoccupano gli infettivologi: nuovi lockdown?

A breve l’Italia potrebbe avere di nuovo seri problemi, sul fronte sanitario, a causa del dilagare rapido delle varianti del Covid-19. Ne parlano in questi...

Parchi e strade di Milano affollati da cittadini “sportivi”: ma la città non è zona rossa?

Prima domenica di nuovo lockdown, ieri 8 novembre, a Milano, in piena zona rossa per l’epidemia da Coronavirus, eppure ovunque si sono registrate numerose...