giovedì, 6 Ottobre 2022

L’Italia scossa da cinque terremoti in poche ore

(Foto di Angelo Giordano - Pixabay)

Non si registrano danni ma la gente spaventata è scesa nelle strade, quando per ben cinque volte, da Nord a Sud, l’Italia ha tremato nelle scorse ore.

La scossa tellurica più recente è quella avvertita ieri, giovedì 22 settembre a Genova e in tutta la Liguria: l’INGV, l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’ha indicata di magnitudo 4.1, con epicentro a Bargagli, ad una profondità di 10 metri. Per precauzione è stata chiusa la ferrovia tra Genova e La Spezia.

Alle 12.25 due scosse di terremoto sono state avvertite ieri ad Ascoli Piceno, rispettivamente di magnitudo 4.1 e 3.6, con epicentro a 24 chilomteri di profondità. Impossibile non avvertirle, tanto che i cittadini sono usciti nelle strade, e così hanno fatto anche alcune scolaresche.

Due scosse si sono avvertite anche nel Modenese, al confine con la Toscana, nel pomeriggio: una di magnitudo tra 3.7 e 4.4, l’altra tra 2.9 e 3.4.
Nella notte tra mercoledì e giovedì l’Italia aveva cominciato a tremare in Sicilia, con più scosse di magnitudo crescente: da 2.5 nel Catanese, fino a 4.2 a Paternò, senza fare danni. All’alba di giovedì il terremoto ha cominciato a risalire la Penisola, con due scosse in provincia di Perugia, di magnitudo 2.0 e 2.1.

Secondo l’INGV non c’è un legame tra le diverse scosse. Ogni movimento tellurico registrato ieri ha avuto una sua diversa dinamica, mentre non si conosce ancora la causa di questi terremoti detti “a grappolo”.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI