Leonardo: una riscoperta quotidiana

E’ stata presentata ieri a Legnano una particolare iniziativa dedicata alla vita e all’opera di Leonardo da Vinci. Nel 500esimo anniversario della sua morte, Leonardo sarà celebrato dal 17 al 31 ottobre con una serie di iniziative cui potranno partecipare i cittadini, gli studenti delle scuole, visitatori di ogni età.

Il programma culturale dedicato alla scoperta di Leonardo, è stato curato da Ornella Ferrario e Pietro Bonzi, organizzato dal Comune con l’Associazione “Liceali Sempre“, la Famiglia Legnanese, “Società Arte e Storia”, ed è patrocinato da “Milano Leonardo 500”, quindi sostenuto da Banca Aletti, Cozzi Costruzioni e Confindustria Altomilanese.

Nel nome di Leonardo” si divide in due filoni di attività: mostre a tema e conferenze.

Le sezioni espositive saranno inaugurate sabato 19 ottobre alle 11 a Palazzo Leone da Perego in via Gilardelli 10, dove si potranno ammirare “Le macchine di Leonardo”, tutte funzionanti e fedelmente ricostruite dallo studioso Dario Noè, secondo i progetti contenuti nei codici leonardeschi, provenienti dalla collezione del Mulino di Mora Bassa a Vigevano.

Alla Famiglia Legnanese, a Villa Jucker in via Matteotti 3, si potranno vedere i “Codici di Leonardo“, copie raccolte in Sala Caironi. Saranno esposti tutti i volumi della collezione, alcuni aperti per mostrare pagine significative e sorprendenti per tematiche, tratto grafico, originalità e modernità delle idee di Leonardo, la sua caratteristica scrittura speculare e la ricchezza dei suoi studi.

A Palazzo Leone da Perego sarà allestita una mostra su “Augusto Marinoni e Leonardo“, una sintesi degli studi di Augusto Marinoni, il grande leonardista legnanese, la sua “lettura” e interpretazione dei Codici, la sua produzione scritta, la sua opera divulgativa.

Le conferenze su Leonardo sono tre: giovedì 17 ottobre alle 21, a Palazzo Leone da Perego “Gli studi di Augusto Marinoni sui codici di Leonardo da Vinci”, con Pietro Marani, è uno dei più importanti leonardisti contemporanei ed autore di numerosi studi su Leonardo; giovedì 24 ottobre, alle 21 a Villa Juker “Leonardo, uomo di corte: feste, ritratti e allegorie per gli Sforza”, con Marco Versiero, docente universitario e uno specialista di storia del pensiero politico moderno; quindi mercoledì 30 ottobre, alle 21 a Villa Jucker, “La Sala delle Asse di Leonardo al Castello Sforzesco di Milano e i suoi restauri”, con Ilaria De Palma, ex liceale legnanese, conservatore delle Civiche Raccolte Storiche di Milano.

Come è stato spiegato, il progetto “Nel nome di Leonardo’” scaturisce dal desiderio di offrire al territorio, e soprattutto ai giovani studenti, alcuni spunti di approfondimento sulla figura di Leonardo, che rappresenta un grande esempio di uomo del Rinascimento. Spinto dal desiderio di scoprire il mistero del mondo, ha saputo sfruttare la curiosità insita nell’animo umano per intuire l’aspetto scientifico delle cose e contemporaneamente per esprime attraverso il segno grafico ciò che rappresenta l’umano nell’uomo.

A calendario anche dei “fuori programma”. Il programma completo è sul sito comunale.

print