Legnano – Parte un progetto sperimentale all’ospedale

L'ospedale di Legnano

Al via il progetto sperimentale dell’ASST Ovest Milanese su quattro gruppi di lavoro. Obiettivo: unire le competenze per meglio curare il paziente cronico.

Come è stato illustrato in questi giorni dall’ASST, tutto ha avuto inizio un anno fa quando è stata istituita la Conferenza aziendale di partecipazione. Il fine è coinvolgere quelle associazioni di volontari che operano all’interno delle sue strutture e che intendono collaborare con l’Azienda per completare i servizi offerti: in una prospettiva di sussidiarietà, vale a dire svolgendo attività integrate attraverso una progettazione comune.

La Conferenza di partecipazione è presieduta dal direttore Sociosanitario, Giancarlo Iannello, e vi fanno parte (oltre alla Direzione dell’ASST e ad alcuni responsabili degli uffici di staff aziendali, tra i quali Ettore Presutto, dirigente amministrativo della Direzione Sociosanitaria), la Fondazione degli Ospedali di Abbiategrasso, Cuggiono, Legnano e Magenta e ventisette associazioni delle oltre quaranta che svolgono la propria attività a supporto dei reparti ospedalieri e dei servizi territoriali dell’Azienda.

Esse sono diffuse sull’intero territorio su cui insiste l’ASST Ovest Milanese e sono rappresentative di moltissimi ambiti entro i quali l’Azienda dovrà muoversi nei prossimi tempi nella prospettiva di prendersi cura dei pazienti cronici e fragili, tra cui: area della salute mentale, oncologica, materno infantile, disabilità, patologie neuro degenerative, patologie cardiovascolari, integrazione sociale, tutela dei minori, tutela delle persone che hanno subito violenza.

Quattro i progetti attivati con le ventisette associazioni: presa in carico dei pazienti con il morbo di Parkinson; presa in carico del paziente della Breast Unit; percorsi per ESP (Esperti per il Supporto tra Pari); e un ultimo progetto per la costituzione di un “Gruppo di ascolto della fragilità”.

Tutti i gruppi di progetto partiranno entro il mese di gennaio 2018, e presenteranno i primi risultati alla Conferenza di partecipazione entro la fine di marzo.

print