17.5 C
Comune di Legnano
lunedì 3 Agosto 2020

Legnano – Il Parco va tutelato non cementificato

Ti potrebbe interessare

Il Grande Trittico Lombardo è arrivato a Varese sotto la pioggia

Bomba d’acqua proprio al traguardo, pioggia lungo tutto il percorso per il Grande Trittico Lombardo, terminato oggi, lunedì 3 agosto, a Varese...

Al via i lavori in piazza Vittorio Emanuele II a Busto da mercoledì

Partiranno mercoledì 5 agosto dei lavori straordinari di manutenzione della pavimentazione di piazza Vittorio Emanuele II, a Busto Arsizio, che dureranno una...

Centri estivi a Canegrate: per molti prosegue l’avventura

Venerdì 31 luglio si sono conclusi a Canegrate alcuni dei centri estivi proposti quest’anno: il Centro estivo per l’infanzia alla scuola Rodari,...

Ma perché le corse ciclistiche sono sempre di lunedì?

Non è la prima volta che succede: Legnano e alcuni Comuni dell’Alto Milanese attorno alle 12 di oggi, lunedì 3 agosto, hanno...

E la risposta alla presentazione del progetto di realizzazione della nuova biblioteca nel Parco “Falcone e Borsellino” a Legnano, non ha tardato ad arrivare: “Il Parco va tutelato, non cementificato”.

Lo hanno scritto i Verdi nelle scorse ore su un grande telo steso tra gli alberi del giardino, per ribadire la loro contrarietà all’opera, il cui progetto è stato depositato in Comune alla fine di luglio.

“Questo è il messaggio che oggi vogliamo mandare direttamente dal Parco. Leggiamo di dichiarazioni assolutamente fuori da ogni logica, per cui si andrebbe a “valorizzare” un parco costruendo al suo interno un nuovo Polo Culturale e Biblioteca? 
Quindi, in un momento storico in cui abbiamo estremamente bisogno di aree verdi e piante, ancora c’è chi si ostina a portare avanti l’idea che cementificare una zona verde, tra l’altro recuperata appena un decennio fa dalla ex Cantoni, sia la location più intelligente per la nuova Biblioteca? Siamo davvero arrabbiati e determinati a far sì che questa “opera” non si compia in quel luogo. Contiamo sul sostegno di tutti, perché noi non molliamo”, si legge in una nota diffusa dal gruppo ambientalista via social.

Si aggiunge così un nuovo spunto di riflessione alla vicenda non ancora conclusa.

Articoli correlati