venerdì, 14 Giugno 2024

La centrale di Chernobyl non smette di fare paura

(Foto da web - Reportdifesa.it)

Ricorrono oggi, mercoledì 26 aprile, i trentasei anni dal disastro nucleare alla centrale di Chernobyl, tutt’oggi al centro di forti preoccupazioni.

Nell’aprile del 1986, come oggi, un reattore smise di funzionare incendiandosi, e provocando la diffusione di un’onda radiottiva pari all’esplosione di venti bombe atomiche. Soltanto la posa di due cosiddetti sarcofagi di cemento bloccò l’attività fuori controllo della centrale.

Ma il materiale radioattivo di Chernobyl, nel locali della centrale, nel terreno tutto intorno, nelle abitazioni abbandonate dei cittadini fuggiti, ha ancora una carica nociva molto potente, che è stata riportata nell’aria dai soldati russi quando hanno occupato a febbraio il sito nucleare. Disinformati sui rischi e sui livelli di radioattività, anche perchè troppo giovani per avere una piena consapevolezza di quanto accadde nel 1986, i soldati hanno scavato trincee attorno alla centrale e rubato suppellettili, portando via con sé materiale radioattivo, ed innalzando i livelli di radioattività in tutto il circondario, che oggi sono di nuovo del tutto anormali, proprio come trentasei anni fa. Fonti vicine all’invasione russa di Chernobyl, raccontano che le truppe di Putin hanno compreso il rischio che stavano correndo soltanto all’insorgenza di alcuni terribili effetti sulla loro salute.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings