5.3 C
Comune di Legnano
sabato 17 Aprile 2021

Iniziati a Saltrio i lavori per la realizzazione di un parco didattico preistorico

Ti potrebbe interessare

Torna sulle strade della Lombardia la “Randonnée Coppa Bernocchi”

Dopo l’edizione virtuale dello scorso anno, torna sulle strade lombarde la Randonnée che unisce la bellezza di paesaggi, sport ed amicizia. La sesta edizione della...

Parrucchieri ed estetisti aperti anche nei festivi a Busto Arsizio

Per permettere a parrucchieri ed estetisti di recuperare, almeno in parte, il fatturato perduto nei giorni di lockdown per il Coronavirus, l’Amministrazione comunale di...

A San Giorgio su Legnano il mercatino alimentare tutte le settimane

Mentre questa mattina, sabato 17 aprile, in piazza Mazzini a San Giorgio su Legnano si svolge il consueto “Mercato Contadino”, organizzato dal Comune con...

Da lunedì 19 a Legnano si raccolgono le domande per gli alloggi popolari

Si apre lunedì 19 aprile alle 10, fino alle 16 di venerdì 18 giugno, la raccolta da parte del Comune di Legnano delle domande...

Sono iniziati i lavori di costruzione del parco didattico preistorico che sorgerà ai piedi del monte Pravello, nel Comune di Saltrio, in provincia di Varese.

Si tratta di un progetto che vedrà in mostra e allo studio fossili rinvenuti nella zona: in particolare, si è progettato di riprodurre a grandezza reale, circa 8 metri di lunghezza per 2 di altezza, il Saltriosauro (Saltriovenator Zanellai), il fossile di dinosauro ritrovato in Valceresio che si appresta a diventare l’attrazione principale del parco. Il grande dinosauro, che originariamente pesava circa una tonnellata, sarà realizzato con l’impiego di un materiale simile alla resina, completo di zampe artigliate e denti aguzzi proprio come appare sui libri.

Per il parco tematico, basato sulla storia locale con particolare attenzione all’epoca preistorica, e che sarà realizzato in collaborazione con l’associazione AMO, Amici del Monte Orsa, sono stati stanziati 70mila euro. Un progetto ambizioso per il rilancio del turismo della zona, che si avvale anche dell’importante riconoscimento commisurato al comprensorio del Monte San Giorgio da parte dell’Unesco, che lo ha inserito nei siti patrimonio dell’umanità.

Nel parco, che avrà un’estensione di circa mille e 700 metri quadrati, ci saranno cinque aree tematiche per scoprire la flora e la fauna locali, oltre all’attività delle cave di Saltrio, attività storica della Valceresio, e scoprire le trincee della Linea Cadorna, il complesso di opere di difesa permanenti eretto a protezione della Pianura Padana da possibili attacchi provenienti da Oltralpe, progettato e realizzato tra il 1899 e il 1918, ancora visibile fra i monti Orsa e Pravello.

Silvia Ramilli

Articoli correlati