3.4 C
Comune di Legnano
giovedì 21 Gennaio 2021

Congedo di paternità: dalla Spagna il cambiamento

Ti potrebbe interessare

Rapinano i loro coetanei minorenni: arrestati due baby rapinatori seriali nel Milanese

E’ successo nelle scorse ore: i Carabinieri della Tenenza di San Giuliano Milanese hanno eseguito un’ordinanza cautelare con il collocamento in comunità a carico di...

Nuove attrezzature per i Vigili del fuoco di Luino grazie agli “Amici dei pompieri”

L'associazione “Amici dei Pompieri di Luino ODV”, ha formalizzato la procedura col Comando Provinciale di Varese e consegnato 7mila euro di attrezzature agli operatori...

Diamo una nuova mano a Leonardo: prosegue la raccolta fondi per il 15enne infortunato

Intervistato questa mattina dai microfoni di Radio Delta Live, la diretta di Radio Delta International con Rudy Neri e Lisa Ferrario alla consolle, il...

BabyBox a Parabiago: l’Amministrazione comunale replica e raddoppia il contributo alle nascite

La buona riuscita dell’iniziativa “BabyBox” nel corso del 2020, avviata in via sperimentale da parte dell’Amministrazione comunale di Parabiago, ha convinto alla giunta a...

Un segnale di cambiamento e conquista di diritti sociali, relativo al congedo di paternità, arriva dalla vicina Spagna.

Con un decreto che cambia con forza il modo di vedere la nascita di un figlio, il Governo guidato da Pedro Sanchez stabilisce che non saranno più le sole madri a farsi carico del neonato, restando assenti dal lavoro con inevitabili conseguenze su carriera e promozioni o, nella peggiore delle ipotesi, la perdita del posto.

Con il nuovo decreto il padre avrà gli stessi diritti e doveri della madre, con sedici settimane (come previsto dalla legge spagnola) di cui sei obbligatorie pagate con la totalità dello stipendio, che dovranno essere godute subito dopo il parto, e le successive dieci nel primo anno di vita del bambino.

Un decreto di forte impatto che mira a cambiare la realtà attuale, includendo anche l’annullamento della possibilità di licenziamento delle donne in gravidanza anche nel periodo di prova, e dei lavoratori che rientrino al lavoro dopo i permessi parentali per almeno un anno, quindi combattere la differenza salariale tra uomini e donne, e prevenire le molestie sui luoghi di lavoro.

Un passo avanti che, come dichiara la sociologa Constanza Tobío sulle pagine di “El Pais”: “Trasmette il messaggio che entrambi i genitori hanno il diritto e l’obbligo di prendersi cura dei bambini, esattamente nelle stesse condizioni e agli stessi termini delle donne”.

Silvia Ramilli

Articoli correlati