martedì, 25 Gennaio 2022

Tradito da un tatuaggio e dall’abitudine di fumare: arrestato un rapinatore

Sono stati necessari otto mesi di indagini ma, alla fine, i Carabinieri della compagnia di Legnano hanno fatto scattare le manette ai polsi del bandito che, nel pomeriggio del 12 maggio scorso, ha rapinato il supermercato Conad di Inveruno. Si tratta di un uomo di 32 anni, abitante a Magenta, vecchia conoscenza delle Forze dell’ordine per i suoi precedenti penali.

Il malvivente aveva agito poco dopo le 16.30, secondo il copione consueto, ovvero con il volto coperto con un passamontagna. Una volta davanti alle casse il rapinatore, pistola alla mano, aveva costretto le commesse a consegnare il denaro dell’incasso, riuscendo ad arraffare 350 euro in contanti. Una volta fuori, ha anche recitato la parte del bandito gentiluomo, gettando verso un ignaro signore, seduto su una panchina, due banconote da cinque euro: lo stesso ignaro e incolpevole “spettatore” cui, poco prima, lo stesso malvivente aveva sussurrato il suo proposito criminale.

I Carabinieri di Legnano sono giunti a dare un nome al malvivente grazie ai filmati registrati dalle telecamere del supermercato, che hanno ripreso nel dettaglio il volto dell’uomo e il suo tatuaggio a forma di croce, sul collo. Oltre a questo i militari hanno ottenuto il DNA del rapinatore raccogliendo alcuni mozziconi di sigaretta lasciati dal pregiudicato nei paraggi, pochi attimi prima di entrare nella rivendita.

L’uomo è stato arrestato per rapina e ora è rinchiuso nel carcere di San Vittore a Milano.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI