Siglato l’accordo sul Welfare nell’Alto Milanese

Torre, Scarpa, Dell'Acqua e Oliva alla firma dell'accordo

E’ stato siglato nelle scorse ore a Legnano, nella sede della Confindustria Alto Milanese, l’accordo sul Welfare territoriale per i dipendenti dell’Alto Milanese, tra la Confindustria AM e i sindacati CGIL, CISL E UIL.

Come si legge in una nota, Il ricorso al welfare aziendale è un trend in costante crescita. Ben vengano dunque tutte quelle misure come la previdenza complementare, strumenti a tutela della salute, oppure incentivi agli studi, proposte per il tempo libero.

“Un percorso di welfare mette al centro i collaboratori, migliorandone le condizioni di vita e investendo sul loro benessere attraverso benefit e servizi, con ricadute positive anche sulla produttività aziendale. La particolarità di questo accordo è portare benefici anche al nostro territorio, in quanto l’indotto generato dall’offerta di diverse tipologie di servizi può avere buone ricadute sull’economia locale, creando così un circolo virtuoso”, il commento di Giuseppe Scarpa, presidente Confindustria Alto Milanese.

“Dopo anni di crisi, in un momento di timida ripresa, sottoscrivere un accordo che supera il concetto di welfare contrattuale inteso solo come buoni spesa o buoni carburante, è un atto importante, perché coinvolge i lavoratori nell’analisi dei bisogni e prova a determinare un allargamento del welfare a livello locale”, hanno dichiarato Jorge Torre della CGIL, Giuseppe Oliva della CISL e Stefano dell’Acqua della UIL.

Un’apposita Commissione paritetica monitorerà l’andamento dell’accordo, raccogliendo le esigenze di lavoratori e aziende ed elaborerà i dati relativi all’utilizzo di questo strumento.

print