giovedì, 20 Gennaio 2022

Rho – Il Comune a sostegno dei giovani dell’Ecuador

E’ stato firmato nei giorni il Protocollo d’intesa tra il Consolato dell’Ecuador di Milano e il Comune di Rho, a sostegno delle famiglie e dei minori ecuadoriani.

Martedì 12 dicembre il sindaco di Rho Pietro Romano e María Gabriela Vera Basurto, Console in carica del Consolato Generale dell’Ecuador a Milano, hanno firmato il Protocollo.

Come si legge in una nota, obiettivo dell’accordo di collaborazione è favorire interventi per famiglie, minori e donne di origine ecuadoriana attraverso la creazione di un tavolo di lavoro composto da figure professionali nel campo giuridico, psicologico, sociale ed assistenziale e la predisposizione di adeguate comunicazioni e informazioni, attraverso il proprio portale web, pagina Facebook e altro, finalizzate a mettere gratuitamente a disposizione dei cittadini ecuadoriani le informazioni necessarie, per usufruire dei servizi e delle agevolazioni offerte alle famiglie in difficoltà.

“Per garantire la coesione sociale occorre promuovere il senso di accoglienza e il riconoscimento dei diritti civili. Soprattutto le bambine e i bambini, che costituiscono la parte più fragile, devono essere maggiormente tutelati. Il protocollo è un rafforzamento della collaborazione già esistente, che risponde alla presenza di una comunità ecuadoriana significativa dal punto di vista numerico, infatti rappresenta il gruppo maggiore della popolazione straniera presente a Rho pari al 7% su 5.000 persone circa”, ha spiegato il sindaco Pietro Romano.

L’Assessore ai Servizi Socio assistenziali, Nicola Violante, ha aggiunto: “Il protocollo d’intesa con l’Ecuador è coerente con la nostra Costituzione, il quadro giuridico nazionale e sopranazionale in materia di filiazione e responsabilità genitoriale e la Dichiarazione dei diritti del fanciullo, adottata unanimemente dagli Stati membri delle Nazioni Unite. Il benessere e la protezione del minore sono aspetti fondamentali, che devono essere tutelati. I nostri servizi sociali sono già attivi”.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI