domenica, 29 Gennaio 2023

Nuova ondata di Covid-19 in Cina: è arrivata la variante Omicron

(Foto da RAI 1)

Il Covid-19 torna a fare paura in Cina, proprio là dove aveva avuto inizio la pandemia. In questi ultimi giorni si sono verificati numerosi nuovi casi di infezione, riconducibili tutti alla variante Omicron, che non era ancora circolata nel Paese. L’impennata dei contagi ha costretto le autorità sanitarie di Hong Kong a correre ai ripari con nuovi provvedimenti restrittivi sulla popolazione, per arginare il virus.

I morti sarebbero già più di 4mila, mentre ieri, venerdì 11 marzo, sono stati segnalati quasi quattrocento casi locali, secondo la Commissione Sanitaria Nazionale: 121 nella regione dello Shandong, 98 della provincia dello Jilin, 36 nello Jiangsu, 26 nel Gansu, 18 a Tianjin e 18 nello Shaanxi, 16 ciascuno nell’Hebei nello Zhejiang, 11 a Shanghai e 11 nel Guangdong.

Secondo la commissione sono stati rilevati inoltre 158 nuovi contagi dall’estero. A Shanghai tre nuovi casi sospetti, tutti provenienti dall’esterno della Cina continentale. Più di ottocento i cittadini positivi al Covid ma asintomatici, un centinaio dei quali arrivati dall’estero.

Tra le misure adottate per contenere il virus: scuole chiuse a Shangai, in lockdown la città di Changchun, introduzione dei test antigenici rapidi per la prima volta in Cina.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI