sabato, 22 Gennaio 2022

Notte di terrore per un 31enne rapinato e sequestrato in uno stabile abbandonato: i Carabinieri arrestano quattro persone

Si è conclusa con l’arresto di quattro persone, da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, la vicenda di un uomo di 31 anni, che lo scorso mese di ottobre ha denunciato di essere stato rapinato e tenuto sotto sequestro all’interno di un edificio abbandonato, a Cassina de’ Pecchi, nell’hinterland Est Milanese.

Due italiani di 25 e 35 anni e due marocchini di 23 e 24 anni, considerati responsabili a vario titolo di sequestro di persona, rapina e minaccia aggravata, violenza privata, lesioni personali e indebito utilizzo di carte di credito, sono stati raggiunti dai militari dopo una particolare indagine, condotta dalla Compagnia Carabinieri di Cassano d’Adda e coordinata dalla Procura di Milano, avviata dai Carabinieri della Stazione di Melzo, dopo la denuncia presentata dal 31enne di Pioltello, il quale aveva dichiarato di essere stato vittima di una rapina con sequestro di persona, ad opera di quattro sconosciuti.

Come si legge in una nota, i rapidi sviluppi investigativi, conseguiti mediante l’analisi delle telecamere di videosorveglianza e del traffico storico delle utenze in uso agli indagati, uniti ad una capillare attività di controllo del territorio, hanno consentito di ricostruire che la vittima, dopo aver incontrato in serata i due stranieri a Cernusco sul Naviglio, era stata accompagnata in una fabbrica dismessa di Cassina de’ Pecchi  dove, con la complicità dei due italiani arrivati in un secondo momento, era stata rapinata del portafoglio e degli indumenti. Impossibilitato a fuggire, il 31enne aveva subito intimidazioni per tutta la notte, oltre ad essere percosso e minacciato fino al rilascio del PIN della propria carta di credito.

Soltanto alle 5 del mattino gli aguzzini avevano liberato la vittima, che era poi ricorsa alle cure mediche al Policlinico di Milano, dimessa con una prognosi di sette giorni per le contusioni subite.

I quattro arrestati, di cui tre con precedenti per reati in materia di stupefacenti, sono stati localizzati nelle rispettive abitazioni, a differenza di uno dei due magrebini, di fatto senza fissa dimora, rintracciato nel quartiere “Satellite” di Pioltello. Gli arrestati sono stati portati alle Case Circondariali di Vigevano e di “San Vittore” a Milano.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI