giovedì, 2 Dicembre 2021

L’Italia vince gli Europei di Calcio: e l’Inno di Mameli non si canta più soltanto dai balconi

Con 4 reti totali a 3 la Nazionale italiana ha vinto il “Campionato europeo di calcio UEFA 2020”, disputato dodici mesi dopo il previsto a causa della pandemia da Covid-19, battendo la squadra dell’Inghilterra nel Wembley Stadium, a Londra, ai calci di rigore.

Domenica 11 luglio: una data da ricordare con la finale conquistata dagli “azzurri”, che riassume numerosi significati, oltre a quello pienamente sportivo.

(Foto RAI 1)

La partita è stata nelle mani dell’Inghilterra, dopo il gol segnato dalla squadra d’Oltre Manica al secondo minuto di gioco, fino al 67esimo quando Bonucci ha segnato il gol del pareggio. Poi la situazione, almeno sotto il profilo psicologico, si è ribaltata. E la finale degli Europei si è giocata ai calci di rigore.

Football is coming home”: dicevano gli inglesi nei giorni scorsi, il calcio torna a casa. Football is coming Rome: rispondevano i tifosi italiani. Qualcuno diceva “We shall see”… vedremo. E quello che c’era da vedere si è visto. Altro che Inno di Mameli cantato dai balconi!

L’Italia di Roberto Mancini rimonta, combatte, soffre, vince e regala emozioni, quella voglia di esplodere in una grande festa nazionale, come non si faceva da tanto tempo. Con tanto di presidente della Repubblica Sergio Mattarella in tribuna, allo stadio londinese.

Vincono i giocatori, professionisti del pallone nostrano, di una squadra praticamente perfetta. Vincono gli allenatori, Gianluca Vialli, capo delegazione della nazionale italiana, e tutto lo staff. Vincono i tifosi “da Trieste in giù” come avrebbe cantato Raffaella Carrà, scomparsa pochi giorni fa. Bandiere tricolori, caroselli per le strade, la gioia è incontenibile. E comprensibile.

L’Italia è campione d’Europa dopo 53 anni.

(Foto RAI 1)

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE