Legnano – No alla scarcerazione di Fratus e Cozzi

Gianbattista Fratus e Maurizio Cozzi

C’è tempo fino a domani, venerdì 24 maggio, affinché il giudice per le indagini preliminari, condotte nell’ambito dell’inchiesta “Piazza Pulita”, si esprima in modo definitivo sulle istanze presentate dagli avvocati che assistono Gianbattista Fratus e Maurizio Cozzi, arrestati lo scorso 16 maggio.

Il pm Nadia Calcaterra si è espressa già negativamente rispetto alla richiesta di scarcerazione, domani deciderà il gip del Tribunale di Busto Arsizio, Piera Bossi.

Fratus e Cozzi, arrestati insieme a Chiara Lazzarini, per i reati di turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, mentre per Fratus c’è anche l’addebito per corruzione elettorale, hanno rassegnato nei giorni scorsi le loro dimissioni dalla carica rispettivamente di sindaco di Legnano, vice sindaco ed assessore ai Lavori pubblici.

Cozzi è stato interrogato per sei ore nella giornata di ieri. La sua linea di difesa insiste sul “non aver favorito la nomina di nessuno, ma di aver effettuato la scelta dei migliori soggetti per il bene della città”.

print