venerdì, 27 Gennaio 2023

Integratori alimentari non a norma: maxi sequestro a Milano nel quartiere cinese

E’ successo nelle scorse ore a Milano: gli agenti della Polizia locale del Nucleo Tutela Consumatori dell’Annonaria hanno scoperto, nei magazzini di alcuni negozi, più di 80mila capsule di integratori alimentari non a norma, e 62 chilogrammi di polvere di integratori.

Più precisamente, come riferito dal Comune di Milano, sono tre gli esercizi commerciali controllati: il primo in via Paolo Sarpi, dove sono state rinvenute e sequestrate 390 confezioni contenenti oltre 47 mila capsule e 13,8 chili di polvere di integratori. In un secondo magazzino sono state trovate 206 confezioni non a norma contenenti oltre 33 mila pastiglie e 31,9 chili di polvere. In un terzo negozio, sono state poste sotto sequestro 123 confezioni di prodotto in polvere per un totale di 16,7 chili.

Le sostanze sospette sono il collagene in polvere, dei multivitaminici, Omega 3 e alcuni preparati destinati al consumo da parte dei bambini. In una terza rivendita, vicino alla stazione Centrale, la Pl ha sequestrato 123 confezioni di prodotto in polvere per un totale di 16,7 chili.

Ai tre rispettivi titolari è stato contestata la mancata comunicazione al Ministero della Salute per la commercializzazione degli integratori, che sono stati ritirati perché mai autorizzati. Per i tre negozianti sono fioccate le multe, il responsabile del terzo negozio è stato anche denunciato perché vendeva farmaci da banco senza licenza.

“Le attività dell’Annonaria sono essenziali per verificare le corretta gestione degli esercizi commerciali e, come in questi casi, per tutelare i cittadini da possibili pericoli per la salute e consentire loro di acquistare prodotti verificati e a norma”, ha commentato il vicesindaco Anna Scavuzzo.

L’attività del nucleo della Polizia locale di Milano, come si legge in una nota, si è concentrata su questo nuovo fenomeno: la vendita di confezioni di integratori che non rispettano le regole per la commercializzazione in Italia.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI