domenica, 29 Maggio 2022

Incertezza, confusione, paura: le prime ore del nuovo lockdown a Milano

Venerdì 6 novembre: è di nuovo serrata pressoché totale a Milano, e la città si sveglia, come del resto tutta la regione Lombardia (insieme a Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria) in uno scenario già visto e già vissuto, quello del lockdown. Che oggi si chiama “fascia rossa”.

Tutti a casa, coprifuoco dalle 22 alle 5, smart working, tra provvedimenti restrittivi e concessioni, nelle ultime ore sembra regnare una certa confusione ovunque. Più osservatori vicini alle ricadute del nuovo DPCM stano evidenziando alcune contraddizioni, nel documento approvato e in vigore da oggi, che forse troveranno una ragione d’essere nelle prossime settimane.

Come invitano a fare il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, e il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, le regole si devono rispettare. Rimanere uniti ed osservare i provvedimenti anti Covid-19 aiuterà a verificare l’andamento della curva dei contagi, che si spera possa arrestarsi al più presto.

Cosa succederà dopo il nuovo lockdown? Come sarà lo scenario alla riapertura di tutto? Perché i bar sono chiusi e non i parrucchieri?

Milano dalla voce dei suoi cittadini si sente “massacrata”. Chiudere Milano è come mettere il capoluogo lombardo “in ginocchio un’altra volta”, sebbene non sembrano sussistere alternative valide possibili.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI