lunedì, 30 Gennaio 2023

Disoccupato ma vita di lusso, ecco cos’hanno sequestrato al “re delle truffe”

Si chiama Lindley ed è riuscito a fuggire, nascosto chissà sotto quale delle sue diciassette diverse identità. I suoi beni, o almeno la parte nota, sono stati sequestrati dalla Polizia di Stato: una villa di lusso su quattro livelli con box, terreno e un bar a Baranzate (Mi), per un valore complessivo di circa 500mila euro. In casa aveva una Porsche modello Turbo S da oltre 200mila euro ed una Audi Q7 del valore di oltre 90mila euro.

Lindley, nato in Perù ma di origine slava e gravitante attorno al compo rom di via Monte Bisbino, non è un personaggio nuovo alle cronache. La sua attività criminale comincia già a quattordici anni, nel 1994, quando è condannato per la prima volta. Ma le condanne proseguono di anno in anno: ’95, ’96, ’98 fino ad arrivare al 2010, quando riceve la nona condanna definitiva a due anni e quattro mesi.

Il ragazzo, oggi 37enne, con il tempo si è trasformato in un vero e proprio esperto della truffa a persone benestanti, attraverso il metodo del “rip deal”. In pratica, dopo aver adescato la vittima con degli annunci di vendita su riviste specializzate, il malvivente offre alla controparte vantaggiosi scambi di valuta o affari “irrinunciabili”. La sua abilità dialettica, la location degli appuntamenti, fissati prevalentemente in hotel a cinque stelle, gli abiti di alta sartoria che indossa e le auto di lusso con le quali si presenta, Bmw 320, Porsche Cayenne, Audi Q7, sono la trappola perfetta per le sue “prede” alle quali poi sono consegnate in genere banconote false.

Il 20 giugno la Divisione Anticrimine della Polizia ha eseguito il decreto emesso dal Tribunale di Milano su proposta del questore di Milano Marcello Cardona. Tutti i suoi beni sono stati acquistati con denaro illecitamente accumulato dal truffatore, che ufficialmente è sempre stato disoccupato.

Tra le sue vittime si annoverano nomi molto noti. Come quello della vedova Trussardi, Maria Luisa Gavazzeni. Nel 2009, insieme ad altri tre soggetti, Lindley si era introdotto nell’appartamento della donna in piazza Duse. Dopo essersi arrampicato al secondo piano e aver forzato la portafinestra con un grimaldello, l’uomo aveva asportato la cassaforte contenente gioielli, per un valore di 2 milioni di euro.

L’ultima “bravata” riconducibile a Lindley è del 2014. In un hotel a cinque stelle di Milano accanto al Duomo, ha truffato un cittadino cinese rubandogli due orologi di lusso per un valore di oltre 110mila euro. L’anno prima era toccato ad un tedesco. Ma i poliziotti sospettano che l’attività dell’uomo non si sia mai fermata.

Fonte MT

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI