Cerca
Close this search box.
martedì, 16 Luglio 2024
martedì, 16 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

Canegrate in tv con le problematiche del fiume Olona

E’ stato intervistato ieri sera, lunedì 22 novembre, dai microfoni di RAI 3, il sindaco di Canegrate, Roberto Colombo, sulla recente esondazione del fiume Olona nel quartiere Cascinette, e sulle vasche di laminazione di prossima costruzione.

E il fuoco della questione, in questi giorni, è proprio sul progetto delle vasche, con l’avvenuta consegna dei lavori di realizzazione delle opere di laminazione delle piene del fiume Olona, da parte dell’AIPO, l’Agenzia Interregionale per il Fiume Po. Avviate le attività che predispongono il cantiere, i lavori avranno inizio con il nuovo anno.

Come si legge in una nota, la costruzione delle vasche di laminazione delle piene del fiume Olona, nei Comuni di Canegrate, Parabiago e San Vittore Olona, s’inquadra nel sistema di opere per la messa in sicurezza del territorio situato nel tratto di pianura dell’Olona, fino alla città di Milano, come previste dall’Autorità di Bacino del Fiume Po.
“Il valore dell’appalto eseguito da AIPO è stato di 7 milioni di euro per i soli lavori delle vasche, ma l’opera costerà complessivamente circa 18 milioni di euro, comprensiva di altri interventi e degli espropri dei terreni.
Il progetto prevede due vasche che sorgeranno sulle sponde del fiume tra San Vittore Olona e Parabiago. Il territorio di Canegrate sarà interessato dalla realizzazione di un’area golenale in località Cascinette, nell’area a verde agricolo compresa tra il fiume e la roggia molinara.
I bacini misureranno 720 mila metri cubi complessivi, di cui 363 mila circa nel bacino di mezzo e 359 mila in quello di valle occupando un’area di 346 mila metri quadrati (poco più di 200 mila occupati dalle sole vasche). In caso di piene del fiume, grazie anche a quattro aree golenali aggiuntive, potranno accogliere circa 900 mila metri cubi di acqua di piena in eccesso, evitando esondazioni nei territori a valle”.

Regione Lombardia ha istituito un tavolo di monitoraggio delle opere di laminazione, che vede la compartecipazione dei Comuni interessati, del PLIS dei Mulini, degli enti sovracomunali e di AIPO, in qualità di gestore delle aree di laminazione. Attorno alle vasche il progetto mira a migliorare la rete irrigua che serve i campi coltivati, quindi altri interventi di natura ambientale, che potrebbero prevedere anche la realizzazione di percorsi ciclo pedonali.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings