giovedì, 20 Gennaio 2022

Busto Arsizio – Nasce “MoSaIC” la musica d’integrazione

E’ stato presentato ieri a Busto Arsizio, il progetto musicale, ma non soltanto, denominato “MoSaIC” – Music for Sound Integration in the Creative Sector”.

Ad illustrarlo il direttore dell’Orchestra e Coro sinfonico “Amadeus”, nonché suo responsabile per l’Italia, Marco Raimondi, che ha esordito dicendo che si tratta di “un progetto ambizioso, il primo esempio di ensemble sinfonico multiculturale”.

Il progetto comporterà nuove esperienze e la formazione di un’orchestra sinfonica, composta da trentasei musicisti provenienti da Italia, Belgio, Danimarca e Romania, con dodici strumentisti selezionati tra immigrati e richiedenti asilo, che vivono e lavorano nei Paesi europei.

Il direttore d’orchestra Marco Raimondi

“Un’integrazione europea, attraverso delle regole ben chiare, darà vita ad una sintonia, ad un dialogo che soltanto la musica può generare e far comprendere. Per questo progetto si uniscono più generi musicali, non risultando più distinguibili: nella composizione di stili il suo punto di fusione, attraverso l’esecuzione di musiche inedite dal sound innovativo e interculturale”, ha spiegato Raimondi.

Il progetto, cofinanziato dalla Commissione europea, ha come obiettivo la creazione di una nuova comunità di musicisti operanti nell’ambito di un coro e di un’orchestra sinfonica, e vedrà il suo culmine nella prima edizione del “World Music Festival”, che si terrà a Milano nel 2020.

Altro punto di arrivo: la nascita di un testo per l’“Inno alla Gioia”, con le quattro orchestre promotrici di “MoSaIC”: l’Ensemble Amadeus Italia, Sound Choir Romania, Koor&Stem Belgio, Swinging Europe Danimarca. Il testo dell’inno europeo, il più possibile comprensibile a tutti i popoli dell’Ue, nascerà come una nuova “bandiera musicale” ufficiale. Per darvi voce saranno coinvolti tutti i ragazzi che aderiranno agli School Days, e il nuovo inno sarà proposto al Parlamento europeo di Strasburgo.

Il progetto “MoSaIC”: è finanziato al 60% dell’Ue e per il restante 40% dalle quattro orchestre unite in partnership. Il costo complessivo del progetto è pari a 320mila euro, l’Unione europea contribuirà con circa 192mila euro. L’organizzazione cerca partner anche privati. Per informazioni: www.europemosaic.eu – www.ensembleamadeus.org

Il sindaco Antonelli con l’assessore Maffioli

Presenti al lancio di “MoSaIC” anche il sindaco Emanuele Antonelli e l’assessore agli Eventi Paola Magugliani, che si sono detti molto orgogliosi che il progetto parta proprio da Busto Arsizio.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI