martedì, 7 Febbraio 2023

Truffe con falsi annunci di Esselunga: non aprite i messaggi ingannevoli

(Foto da Esselunga)

La scusa sembrano essere i festeggiamenti per i 70 anni di Esselunga (che però ricorrono nel 2027), per estorcere dati sensibili ai clienti presi di mira.

Succede in queste settimane via web: falsi messaggi da parte di Esselunga avvisano della possibile vincita di più premi, previo rilascio di alcune informazioni personali, di particolare riservatezza.

Si tratta di una truffa cui la direzione di Esselunga sta mettendo in guardia, prendendo le distanze da tali annunci. “Segnaliamo che negli ultimi giorni sono pervenute numerose segnalazioni circa la ricezione di messaggi che promettono falsi buoni spesa. Ti ricordiamo che l’invio di tali messaggi esula da ogni possibile forma di controllo da parte di Esselunga e che eventuali concorsi o operazioni a premi promossi da Esselunga vengono diffusi esclusivamente attraverso i canali ufficiali dell’azienda. I messaggi di posta ingannevole noti anche come “phishing” sono sempre più diffusi e mirano a rubare informazioni o addirittura denaro. Spesso il messaggio contiene l’invito a cliccare su un link che rimanda a un sito creato al solo scopo di carpire informazioni personali. A volte possono essere richieste false autorizzazioni al trattamento dei dati personali inseriti o l’invito a richiedere un fantomatico premio: tali richieste in realtà attivano l’adesione a servizi a pagamento non richiesti. I messaggi di “phishing” contengono tipicamente: segnalazioni di problemi non ben precisati con minacce di chiusura di un servizio on line (es. home banking) o di un account, promesse di premi o denaro “senza fatica”, buoni sconto di valore eccessivamente elevato ad esempio il Buono Sconto Esselunga da 500 euro, offerte di prodotti/servizi a prezzi troppo bassi per essere realistici. Consigliamo di cliccare sul campo “Da” o “Mittente” ogni qualvolta ricevi una email che ti invita a rilasciare dati personali o password, in modo da visualizzare i dettagli dell’indirizzo di posta elettronica che deve sempre corrispondere a “@esselunga.it” o “@newsletter.esselunga.it”; se il dominio è differente da “@esselunga.it” o da “@newsletter.esselunga.it”, la mail è da considerarsi ingannevole e inviata da soggetti diversi da Esselunga. Posizionare il cursore del mouse sul link (senza cliccare) per visualizzare il vero link sottostante che spesso corrisponde a una sequenza di numeri e lettere che nulla ha a che vedere con l’indirizzo visibile nel link. Tale link non deve mai essere cliccato”, si legge nella nota prontamente diffusa da Esselunga, per non cadere nella trappola predisposta per ottenere con l’inganno dati sensibili e denaro.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI