Cerca
Close this search box.
domenica, 14 Luglio 2024
domenica, 14 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

Legambiente Busto risponde al progetto delle piste ciclabili

(Foto da web)

Legambiente Busto Verde discute in queste ore sulla creazione di nuove piste ciclabili in città: un progetto del Comune non del tutto condiviso.

Legambiente a Busto Arsizio ha da tempo fatto proposte circostanziate per la realizzazione di una rete organica di piste ciclabili, con la relativa documentazione già consegnata in Comune. Ora, come sottolineato dai referenti ambientalisti, si tratta di affrontare il tema nel modo più corretto possibile, mentre “il riacutizzarsi del traffico già ipotizzato per il mese di settembre, con la riapertura delle scuole, si avvicina a grandi passi”.


L’amministrazione comunale ha presentato un suo piano per le piste ciclabili autonomamente, rispetto al quale Legambiente ha prodotto numerose osservazioni, una delle quali riguarda lo spostamento dei parcheggi per fa passare le piste. Il Comune non intende rinunciare ai parcheggi, ma secondo Legambiente i percorsi riservati alle biciclette dovrebbero essere tracciati proprio in città, dove si svolge la mobilità anche degli utenti delle due ruote.

“Legambiente si domanda ancora una volta se si debbano anteporre le auto, che come noto occupano privatamente una parte di suolo comune in ben due occasioni (sotto casa e davanti ad attività commerciali o uffici) all’interesse comune di spostarsi agevolmente ed in sicurezza all’interno di un territorio comunale, che paga ancora adesso storture organizzative di un passato anche recente che si può definire “autocentrico”. Sarà ben ora l’occasione di dare una svolta a questo sistema antiquato di vedere la mobilità cittadina?”, si legge in una nota.

Le proposte di Legambiente puntano alla riduzione delle velocità di percorrenza delle strade, al ripristino delle aree di sosta nelle recinzioni delle scuole, all’istituzione di aree attrezzate appositamente per la sosta delle biciclette in città mediante rastrelliere con l’abolizione della TOSAP, all’istituzione e al ripristino di aree di sosta delle biciclette nelle stazioni ferroviarie, dotate di personale di sorveglianza, all’introduzione di sensi unici, dove lo spazio per le piste ciclabili non c’è.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings