30.3 C
Comune di Legnano
mercoledì 12 Agosto 2020

Legambiente Busto risponde al progetto delle piste ciclabili

Ti potrebbe interessare

La donna morta in casa a Castronno insegnava a Legnano

Era un'insegnante di inglese, in un istituto superiore di Legnano, la donna deceduta ieri, martedì 11 agosto, nella sua abitazione di Castronno.

Manovre pericolose sul Sempione: in mattinata c’è mancato poco ad un altro scontro

Mentre si sta piangendo la morte di due ventenni, vittime di uno scontro sulla Strada Statale del Sempione, avvenuto lo scorso 2...

Guardia giurata tenuta in ostaggio nel Duomo di Milano: attimi di apprensione tra i turisti

E' accaduto oggi, mercoledì 12 agosto, attorno alle 13 in piazza Duomo a Milano: uno straniero che ha voluto eludere i controlli...

Nuove automobili per la Polizia locale di Busto Arsizio

Si rinnova in questi giorni il parco macchine della Polizia locale di Busto Arsizio: cinque nuove vetture saranno acquistate grazie agli eco...

Legambiente Busto Verde discute in queste ore sulla creazione di nuove piste ciclabili in città: un progetto del Comune non del tutto condiviso.

Legambiente a Busto Arsizio ha da tempo fatto proposte circostanziate per la realizzazione di una rete organica di piste ciclabili, con la relativa documentazione già consegnata in Comune. Ora, come sottolineato dai referenti ambientalisti, si tratta di affrontare il tema nel modo più corretto possibile, mentre “il riacutizzarsi del traffico già ipotizzato per il mese di settembre, con la riapertura delle scuole, si avvicina a grandi passi”.


L’amministrazione comunale ha presentato un suo piano per le piste ciclabili autonomamente, rispetto al quale Legambiente ha prodotto numerose osservazioni, una delle quali riguarda lo spostamento dei parcheggi per fa passare le piste. Il Comune non intende rinunciare ai parcheggi, ma secondo Legambiente i percorsi riservati alle biciclette dovrebbero essere tracciati proprio in città, dove si svolge la mobilità anche degli utenti delle due ruote.

“Legambiente si domanda ancora una volta se si debbano anteporre le auto, che come noto occupano privatamente una parte di suolo comune in ben due occasioni (sotto casa e davanti ad attività commerciali o uffici) all’interesse comune di spostarsi agevolmente ed in sicurezza all’interno di un territorio comunale, che paga ancora adesso storture organizzative di un passato anche recente che si può definire “autocentrico”. Sarà ben ora l’occasione di dare una svolta a questo sistema antiquato di vedere la mobilità cittadina?”, si legge in una nota.

Le proposte di Legambiente puntano alla riduzione delle velocità di percorrenza delle strade, al ripristino delle aree di sosta nelle recinzioni delle scuole, all’istituzione di aree attrezzate appositamente per la sosta delle biciclette in città mediante rastrelliere con l’abolizione della TOSAP, all’istituzione e al ripristino di aree di sosta delle biciclette nelle stazioni ferroviarie, dotate di personale di sorveglianza, all’introduzione di sensi unici, dove lo spazio per le piste ciclabili non c’è.

Articoli correlati

In arrivo a Busto Arsizio 300mila euro per le piste ciclabili

E’ notizia di oggi il via libera dalla Conferenza Unificata al Decreto proposto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che stanzia...

Canegrate si mobilita contro l’antenna in via Merano

In via Merano a Canegrate, in mezzo ad abitazioni e palazzine e non lontano dalla scuola dell'infanzia statale, c'è in programma l'installazione...

Pronto lo spazio autobus alle scuole di Parabiago

Lo racconta il sindaco di Parabiago Raffaele Cucchi, in un recente video: è stata completata l’opera di sistemazione e di messa in...

Legambiente compie 40 anni

E’ stato festeggiato ieri, mercoledì 20 maggio, il 40° anniversario di fondazione di Legambiente. Il 20 magio del 1980,...

Tre nuove piste ciclabili: una proposta per Gallarate

Potrebbero essere tre nuovi percorsi ciclabili a risolvere, da settembre, con la ripresa delle scuole, il problema del sovraffollamento dei mezzi pubblici,...