martedì, 7 Febbraio 2023

La battaglia contro la discarica diventa uno spettacolo teatrale

Si potrà assistere sabato 19 novembre, alle 20, al Centro Pertini di via dei Salici a Legnano allo spettacolo teatrale “Il rifiuto dei rifiuti”, di e con Nora Pacetti, nell’ambito della rassegna “A tavola e a teatro”. In scena la ricostruzione della battaglia ambientalista che, trent’anni fa, vide la vittoria della società civile che si oppose alla scelta di fare della cava Sant’Antono a Buscate una discarica, dove buttare 400mila tonnellate di rifiuti, di Milano e provincia.

Come si legge in una presentazione dello spettacolo, si tratta del progetto vincitore di Mitici: Parco Talenti Creativi di Fondazione Milano e del bando europeo Gioventù in Azione-Buscate 1991.

“Quattromila abitanti circondati da cave, discariche, inceneritori e fogne a cielo aperto. Regione Lombardia, in piena emergenza rifiuti, sceglie la cava S. Antonio per gettare 400mila tonnellate di rifiuti di Milano e provincia. Ma se la politica non si occupa della salute dei cittadini, i cittadini si occupano della salute della politica. Si organizzano e danno inizio al Presidio: 880 notti davanti al cancello della cava, 880 giorni di cortei, discussioni e risate, amore e democrazia. Un’iniziativa civile e non violenta che ha coinvolto migliaia di persone. Una spinta dal basso che ha trainato l’Italia intera verso la raccolta differenziata, la riduzione dei rifiuti, il riuso, il riciclo e il compostaggio. Con documenti, testimonianze e video originali, lo spettacolo intreccia le storie dei presidianti e il filone ambientale di Mani Pulite, ripercorrendo le tappe che han portato alla vittoria”.

Lo spettacolo avrà inizio alle 20, accesso alla sala 19.45 (Giropasta con spettacolo 20 euro – Prenotazione obbligatoria entro giovedì 17 al bar del Centro 0331/458949, oppure 3939914770, via e-mail costruireteatropertini@gmail.com

Le iniziative del Centro Pertini rientrano nella co-progettazione del Comune di Legnano con la cooperativa Italia Sahel Lavoro, siglata con la convenzione tra i due enti. 

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI