Cerca
Close this search box.
domenica, 21 Luglio 2024
domenica, 21 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

E’ morto Paco Rabanne il metallurgico della moda

(Foto da web)

“Il metallurgico della moda” così aveva ribattezzato Coco Chanel Paco Rabanne, lo stilista spagnolo di origini basche morto ieri, venerdì 3 febbraio, all’età di 88 anni, per la sua propensione all’impiego di materiali impensabili quali il metallo.
Tra le figure più importanti della moda del XX secolo, Paco Rabanne sarà per tutta la sua carriera fonte di ispirazione per i venti di cambiamento della seconda metà degli anni sessanta, insieme ad André Courrèges e Pierre Cardin, dando vita a una moda di stampo futurista.

Un lavoro il suo improntato sul guardare sempre avanti, al futuro, che si rispecchia nelle linee svelte e nell’estetica dinamica dei suoi modelli da viaggio interstellare, e nei materiali insoliti come metallo, carta, plastica. Fu il primo couturier in assoluto a utilizzare la musica durante le sue sfilate.
Di origini basche, si trasferì con la famiglia in Francia allo scoppio della guerra civile dopo aver perso il padre a causa del conflitto.
La madre sarta per Balenciaga scelse di trasferirsi a Parigi al seguito della storica maison.

Il primo impatto con la moda fu all’inizio degli anni ’60 con la creazione di gioielli e accessori per Givenchy, Dior e Balenciaga per poi dare vita, nel ’63 alla sua prima collezione di abiti e nel ’66 alla sua casa di moda.
Le sue sfilate presentavano all’epoca dello storico “tubino”, tubini realizzati con tessere di metallo, plastica, carta, simili alle sotto armature medievali, perfetti per farsi notare nei club e nelle discoteche, che negli anni ’60 erano più di ogni altro luogo centri di aggregazione, sviluppo e diffusione di nuove culture e stili di vita.
Importanti lavori anche per l’industria del cinema con i costumi di Barbarella che furono la fortuna della splendida Jane Fonda.

Nel 1999 Rabanne ha lasciato la guida del marchio, al colosso spagnolo Puig già produttore del famosissimo profumo che porta il suo nome.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings