16.9 C
Comune di Legnano
giovedì 24 Settembre 2020

Busto Arsizio – Giornata della Memoria: primo atto

Ti potrebbe interessare

Al via domani la “Showcase” a Canegrate

Dopo un fine settimana dedicato al cinema, Canegrate si rituffa in una nuova avventura culturale con l'evento live “Showcase”, la nuova rassegna...

Team Legnano Nuoto: quanti atleti!

Ad una settimana dalla partenza degli allenamenti del nuovo progetto sportivo targato “Team Legnano Nuoto”, sono già 120 gli atleti che hanno...

Saranno mesi di “resistenza”. I prossimi, contro il Coronavirus

Lo ha dichiarato nelle scorse ore il ministro della Salute Roberto Speranza: “I prossimi mesi non saranno facili, anzi, saranno i mesi...

E Delta Live adesso è a Somma Lombardo

Nuova “trasferta” per Radio Delta Live, la trasmissione mattutina di Radio Delta International, che da ieri, martedì 22 settembre e per quattro...

Nell’ambito delle attività istituzionali previste per la “Giornata della Memoria” 2019, in ricordo alle vittime della Shoah, ieri mattina al Teatro Sociale di Busto Arsizio, il monologo “Rapporto su la banalità del male” di H. Arendt – P. Bigatto, con l’attrice Sandra Cavallini, cui è seguita la lezione-testimonianza di Helena Janeczek, vincitrice del Premio Strega 2018, per il romanzo storico “La ragazza con la Leica” In platea i ragazzi delle classi quinte del Liceo Crespi, con altre classi delle scuole superiori cittadine.

Primo atto di una narrazione, e riflessione, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti. All’iniziativa era presente l’assessore all’Educazione Gigi Farioli che ha commentato: “La storia ci appartiene: oggi è bello iniziare qui al Teatro Sociale, che è un punto di riferimento culturale della città, il primo appuntamento di una serie di eventi atti a ricordare tali gesti cruenti. I giovani sono soprattutto l’insieme di persone che sono stimolate a dare il loro contributo. Libertà e democrazia sono un valore di crescita personale, è per questo che il presente e il futuro lo dobbiamo costruire noi, ponendoci domande a quello che ci viene proposto questa mattina”.

Articoli correlati