mercoledì, 29 Maggio 2024

Zanne di elefante e soprammobili d’avorio: i Carabinieri forestali sequestrano tutto

E’ successo ieri a Samarate, in provincia di Varese: i Carabinieri Forestali del Nucleo CITES hanno proceduto al sequestro di una zanna di elefante e di cinque statuette in avorio di elefante africano. Si tratta del secondo rinvenimento del prezioso materiale effettuato dall’inizio dell’anno.

Come spiegato in una nota dell’Arma, tutto è iniziato dalla segnalazione di un cittadino che ha trovato gli oggetti di avorio tra i beni avuti in lascito ereditario. Alla segnalazione sono seguite le indagini svolte dai Carabinieri Forestali, in base alle quali è stato appurato che i reperti non erano accompagnati da alcuna documentazione che attestasse il legittimo possesso. Pertanto dalle prove raccolte, si presume che la zanna e le statuette possano essere riconducibili a fenomeni di bracconaggio effettuato in passato in Africa.

Gli elefanti sono una specie a rischio di estinzione e minacciata dal fenomeno del bracconaggio, in quanto le zanne di avorio sono di grande valore, motivo per cui ogni anno sono uccisi dai bracconieri migliaia di esemplari. Il commercio dell’avorio è soggetto a limiti e restrizioni: tale bene è detenibile soltanto se accompagnato da apposita documentazione prevista dalla Convenzione internazionale di Washington del 1973, ratificata dall’Italia nel 1975, sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione così detta “C.I.T.E.S.” (Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora).

Le zanne di elefante sequestrate a Somma, in base alla normativa potranno essere oggetto di confisca al termine di un iter giudiziario in cui la Commissione scientifica CITES, autorità istituita al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, dovrà decidere il destino dei beni che, per esempio, potrebbero essere destinati alla conservazione per finalità didattica o scientifica.

Al cittadino che ha ereditato gli oggetti non è stata contestata alcuna violazione. Si invitano coloro che abbiano dubbi in materia e che in qualunque modo venissero in possesso di prodotti derivanti da animali in via di estinzione, di rivolgersi ai Carabinieri Forestali dei Nuclei CITES.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings