19 C
Comune di Legnano
sabato 18 Settembre 2021

WHATS…APPERO’! – No all’impianto di Biogas in via Novara: ecco le motivazioni

Ti potrebbe interessare

Legnano da il via alle celebrazioni di Dante Alighieri con mostre e conferenze

Sarà inaugurata domani, sabato 18 settembre, a Legnano, l’iniziativa culturale organizzata per celebrare il 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri. Il programma di “Nel...

Il piccolo non prende sonno: salvate per caso dodici famiglie da una fuga di gas

Se generalmente le notti insonni dei bambini sono un guaio per tanti genitori, questa volta i capricci notturni di un piccolo di 3 anni,...

Cicli terapeutici odontoiatrici con l’osteopatia per i bambini al Centro Porta Odontoiatria e Benessere

Il Centro Porta, che si trova a Busto Garolfo, nell'Alto Milanese, è da sempre promotore di un approccio multi specialistico in cui più discipline collaborano tra...

La GdF di Varese sequestra 20 chili di cocaina

E’ accaduto nei giorni scorsi a Varese: gli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno arrestato tre persone accusate di detenzione e...

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato dell’Assemblea No Biogas via Novara.
“LA CENTRALE INDUSTRIALE DI BIOGAS NON LA VOGLIAMO PERCHE’:
– L’impianto sarà costruito in periferia in un’unica area rimasta verde, nel contesto del Parco Agricolo Altomilanese, considerato di grandissima importanza per gli abitanti di Legnano e di tutti i comuni limitrofi.
– Esso avrà un impatto in termini di inquinamento dell’aria e dell’acqua e sarà una minaccia per la salute dei cittadini. Le prescrizioni imposte da Arpa di un maggiore abbattimento delle emissioni non fanno che confermare che l’impianto riverserà in atmosfera sostanze dannose alla salute. Lo stesso vale per i fanghi prodotti che Arpa prescrive di smaltire all’esterno come rifiuti speciali.
– Per quanto riguarda il consumo di acqua, l’autorizzazione per pozzi interni non è stata ancora richiesta, né tantomeno è stata fatta la verifica sulla salubrità dell’acqua che verrebbe pescata in falde superficiali.
Il Comune ha introitato 1 milione e 800 mila euro a parziale rimborso dei disagi che i cittadini dovranno subire: anche la salute ha un prezzo?
– L’impianto sarà vicinissimo all’ospedale nuovo, a poche centinaia di metri dalle abitazioni, dalle aziende agricole del Parco Altomilanese, dagli allevamenti e centri di addestramento equino che costituiscono una ricchezza turistica ed economica per la città.
– La viabilità della zona risentirà molto del traffico dei mezzi pesanti, dovuto al trasporto di instillati ed altro materiale (si presume un transito di circa 48.000 tonnellate in entrata – quante in uscita?), con danni gravissimo alla rete stradale in termini di usura del manto stradale e creando notevoli disagi ai residenti e ai tanti utenti che devono recarsi all’ospedale (4.000 transiti al giorno). La strada non è idonea a sopportare il traffico predetto in quanto la larghezza della carreggiata non è sufficiente a consentire le manovre dei mezzi pesanti e contemporaneamente il regolare traffico esistente.
– La struttura stravolgerà totalmente le caratteristiche paesaggistiche e visive del luogo, con un insostenibile impatto sull’ambiente. La prescrizione di un doppio filare di alberi è un palliativo che non modifica la sostanza dell’impatto.
– I costi dell’insediamento sono sottostimati e non tengono conto di tutte le voci necessarie alla realizzazione e avvio dell’impianto. Solo dalla relazione tecnica si evince un costo superiore ai 22 milioni a cui vanno aggiunti 5 milioni già spesi e gli ulteriori costi derivanti dalle prescrizioni contenute nell’autorizzazione del progetto. A fronte di ciò, si afferma che il compost prodotto, il cui mercato è al momento poco ricettivo, verrà venduto … al Parco Altomilanese! I cittadini pagheranno per produrre qualcosa che si dovranno poi ricomprare con i propri soldi!
– Non si comprende l’economicità dell’impianto e quanto tempo ci vorrà per ammortizzarne i costi, a meno che non si intenda, nel prossimo futuro, incrementare la raccolta di frazione umida dei rifiuti urbani allargando il bacino di utenza e utilizzando al massimo la capacità dell’impianto, ben oltre le 40 mila tonnellate/anno oggi dichiarate.
– Analogo discorso vale per l’energia prodotta, nominalmente al di sotto del megawatt/ora per poter accedere agli incentivi statali (sempre soldi pubblici che girano), il cui eccesso “sarà utilizzato per il teleriscaldamento” (sic!).
– Per ultimo, non è ancora certo chi gestirà l’impianto, una volta realizzato: se AMGA, oppure Accam o altri (A2A?).
Per tutti questi motivi ci siamo rivolti al Tar per fermare le procedure che porteranno all’avvio dei lavori di costruzione di un impianto che riteniamo non economicamente, ma soprattutto non ecologicamente sostenibile, non coerente con i principi del ciclo chiuso dei rifiuti e incompatibile col sito in cui verrà realizzato.”

Articoli correlati

Tocca a strade e marciapiedi essere al centro dei lavori a Legnano

Proseguono i lavori stradali a Legnano, cominciati a giugno scorso, tra il rifacimento di strade e marciapiedi. Come spiega in questi giorni il sindaco Lorenzo...

ALER vende quindici appartamenti a Legnano

Sono state messe in vendita in queste ore quindici unità immobiliari di proprietà ALER Milano, che si trovano in via Romagna a Legnano. Ogni...

Dal 6 agosto “green pass” anche per gli spettacoli al Castello a Legnano

Come previsto dal Decreto Legge n. 105/2021, da venerdì 6 agosto sarà necessario presentare il “green pass” in tutti i luoghi culturali: dalla biblioteca,...

La rigenerazione della città è cominciata: tutta la soddisfazione del sindaco di Legnano

“Ci vogliono visione, costanza e determinazione. E lo stiamo facendo davvero: in questo primo anno di lavoro stiamo seminando e mettendo le basi per...

Tributo a Fabrizio De André al Centro Pertini di Legnano

Si terrà questa sera, venerdì 30 luglio, al Centro Pertini di via dei Salici a Legnano un tributo a Fabrizio De André. La serata musicale...