6.9 C
Comune di Legnano
venerdì 26 Febbraio 2021

WHATS…APPERO’! – La rabbia degli Sbandieratori e Musici Citta’ di Legnano

Ti potrebbe interessare

I Servizi demografici ampliano l’orario di apertura a Busto Arsizio

I Servizi Demografici ampliano l’orario di apertura al pubblico, a Busto Arsizio: sia la sede centrale in via Fratelli d’Italia 12, sia l'Ufficio distaccato...

Il mondo delle palestre e delle piscine in piazza a Milano per chiedere la riapertura in sicurezza

Si è svolta nelle scorse ore a Milano, in corso Monforte, una protesta organizzata dai titolari e dai gestori delle palestre e delle piscine,...

I sangiorgesi invitati a scrivere sul libro di presentazione del 64esimo Campaccio

L’invito arriva dal sindaco di San Giorgio su Legnano, Walter Cecchin, ai suoi concittadini: scrivere un pensiero dedicato all’evento sportivo del Campaccio, che sarà...

Giornata delle Malattie rare: le fontane si accendono di blu a Legnano

Il Comune di Legnano colorerà di blu la fontana di piazza San Magno, lo specchio d’acqua di piazza del Popolo e la fontana di...

Gli Sbandieratori e Musici Citta’ di Legnano esprimono tutta la loro amarezza per una situazione in cui sono coinvolti in un comunicato affidato a Facebook e condiviso con le testate giornalistiche. Eccolo:
“È con rammarico che ci troviamo, per l’ennesima volta, a dover condividere con tutti voi una situazione spiacevole che ci riguarda da vicino.
Come tutti sapete abbiamo avuto diverse difficoltà ad adattarci alla palestra che ci è stata assegnata quest’anno da AMGA Sport, che ha in gestione l’apparato delle strutture sportive di Legnano.
Difficoltà perché la palestra è piccola, difficoltà perché la palestra è bassa, difficoltà perché è vero che non siamo un’armata di cento iscritti, ma non possiamo mai allenarci tutti insieme per via degli spazi impraticabili e anche perché – che richiesta! – vogliamo garantire la sicurezza di chi sceglie di percorrere la nostra attività.
Ma fa niente, in questi mesi ci siamo adattati, sempre in attesa di una nuova sistemazione, sistemazione che ci siamo ormai purtroppo rassegnati a non trovare più.
Ci siamo adattati alle pareti pieni di buchi, alle reti che occupavano la palestra. Ci siamo adattati alle finestre coi vetri rotti, all’edera che copriva tutta la facciata – e che abbiamo provveduto a togliere personalmente -. Ci siamo abituati e forzati a cambiare persino i nostri metodi e tempi di allenamento, perché, dopotutto, un tetto sopra la testa serve anche a noi, strano ma vero.
Dopo tutti gli sforzi fatti, però, arriva l’inverno e l’inverno, se qualcuno non se ne fosse ancora accorto, è una stagione fredda, nonostante il surriscaldamento globale. Ci aspettiamo, allora, ma forse sbagliamo, che vengano accesi i riscaldamenti nella palestra. Passa una settimana, passano due settimane, ne passano tre. Del riscaldamento nessuna traccia. Non vi stiamo neanche a raccontare le decine e decine di telefonate fatte ai diretti responsabili, però vi raccontiamo quello che abbiamo capito: lo scaricabarile va di moda. Eh sì, perché noi, a tutt’oggi, siamo costretti ad allenarci con giacconi e sciarpe. A questo punto forniteci almeno della neve finta così facciamo qualche pupazzo.
Allora è a gran voce che diciamo che non ci sta bene, tra tutte le cose alle quali ci siamo adattati, di essere obbligati a tenere a casa i bambini dagli allenamenti per paura che si ammalino. No, questo proprio non lo accettiamo.
AMGA, Sindaco, Comune, Città Metropolitana di Milano: NOI VOGLIAMO DELLE RISPOSTE. Giocare a scaricarsi le responsabilità vicendevolmente non fa altro che diminuire la vostra credibilità ai nostri occhi e la fiducia che riponevamo in voi.
Questa non è una città che tiene alle sue società sportive, ma peggio, non tiene neanche alla sua CULTURA, alla sua STORIA. Perché noi non ci chiamiamo Basket, non ci chiamiamo Ginnastica, non ci chiamiamo Pallavolo, ma una cosa è certa: ci siamo da trent’anni e per altrettanti e molti di più ci saremo. E da trent’anni portiamo in alto il nome di una città che, con l’amaro nel cuore, non ci rappresenta più.
Ci chiediamo, allora, se non sarebbe meglio chiedere “asilo” a qualche altro comune, magari più sensibile a certe questioni.”

Articoli correlati

Punto sui lavori all’impianto FORSU di Legnano: in corso la creazione della sezione compost

Mentre procedono a ritmo serrato i lavori all’interno del cantiere di via Novara, a Legnano, dove è in corso la realizzazione del cosiddetto impianto...

Al via l’indagine di customer satisfaction per dare un voto ad AEMME Linea Ambiente

Cittadini, negozi e imprese chiamati di nuovo a dare un voto ad AEMME Linea Ambiente: riparte lunedì 15 febbraio l’indagine di “customer satisfaction” che...

Attenzione ai falsi addetti AMGA: sono truffatori

Prendono di mira gli anziani, approfittando della loro vulnerabilità e gli fanno credere di essere tecnici di AMGA, incaricati di effettuare verifiche sui contatori...

Il futuro dello smaltimento dei rifiuti in un nuovo progetto condiviso dai Comuni di AMGA

Inizia una settimana importante e decisiva per dare nuovi indirizzi al futuro dei nostri territori. Lo ha detto questa mattina il sindaco di Legnano...

Un nuovo distributore di sacchi per i rifiuti a Legnano

E’ stato aggiunto nelle scorse ore un nuovo distributore per i sacchi dei rifiuti nel cortile del municipio di Legnano. Come spiegato da AMGA, a...