lunedì, 26 Settembre 2022

Vuoto a rendere: al via una petizione per il ritorno delle bottiglie su cauzione

(Foto di M. Gollop - Pixabay)

Potrebbe tornare anche in Italia, come è già in altri Paesi europei, la formula del “vuoto a rendere”, vale a dire il ritorno delle bottiglie “prestate” ai consumatori, in un certo senso, che ne ricevono un controvalore alla restituzione.

L’idea, nata per ridurre la presenza di plastica nel mondo, troppa e troppo spesso dispersa nell’ambiente, è stata avanzata dall’Associazione Comuni Virtuosi, insieme ad una quindicina di organizzazioni, con la nuova campagna “A Buon Rendere”. Scopo dell’iniziativa, per cui è stata avviata in questi giorni una raccolta di firme, è reintrodurre un deposito cauzionale per recuperare i vuoti di tutti gli imballaggi monouso, in particolare quelli di vetro, plastica e alluminio.

Dove in atto, il “buon rendere” permette di raggiungere tassi di raccolta superiori al 90% circa rispetto alla quantità di contenitori in circolazione. La cauzione si può ottenere nei punti di raccolta dei resi, o direttamente nei punti vendita di riferimento. I sostenitori di questo progetto sono certi che lo stesso potrebbe aiutare a ridurre l’inquinamento ambientale e migliorare il sistema del riciclo dei materiali.

Per aderire alla petizione: https://www.buonrendere.it/firma-la-petizione/

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI