Vita difficile per i “furbetti” del cartellino

(Foto da web)

Videosorveglianza e impronte digitali sono alcune delle misure previste dal nuovo Ddl Concretezza, stilato in via definitiva, per contrastare il fenomeno degli impiegati della pubblica amministrazione (almeno alcuni di loro) “facili” al timbro fasullo del cartellino, per conto dei colleghi.

Il Ddl si appresta a mettere in atto numerose soluzioni, soprattutto per migliorare il servizio degli uffici, e le prestazioni offerte alla collettività.

Tra le varie novità anche l’installazione di nuovi dispositivi per accertare le presenze dei dipendenti pubblici negli uffici, negli orari di servizio previsti.

Il “Nucleo per la Concretezza” sarà un nuovo team di professionisti, contemplato dal Ddl, incaricati di illustrare nelle amministrazioni i nuovi modelli organizzativi.

print