venerdì, 21 Gennaio 2022

Vendemmia 2019: meno produzione ma più qualità

Lo ha rilevato in questi giorni la Coldiretti: la vendemmia del 2019 si chiude con un calo della produzione del 20%, rispetto ad un anno fa. Se la qualità del vino prodotto non cambia, rimanendo il made in Italy un’eccellenza, a conti fatti mancherà sul mercato una bottiglia su cinque.

Ma il 2019 si può definire l’anno della qualità dei vini che è stata raggiunta, e in alcuni casi superata, rispetto alle aspettative: 44,3 milioni di ettolitri di produzione destinata per circa il 70% a vini Docg, Doc e Igt , con trecento e più vini DOC, a Denominazione di origine controllata, 73 vini Docg, a Denominazione di origine controllata e garantita, e più di cento vini Igt, a Indicazione geografica tipica riconosciuti in Italia, e il restante 30% destinato ai vini da tavola.

Il vino italiano, con un fatturato di oltre 11 miliardi di euro, avrebbe cambiato direzione, per così dire, puntando sulla qualità e su parametri che ne definiscono in maniera sempre più certa ed apprezzabile, l’identità.

Poco ma buono, in parole semplici. Anzi ottimo.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI