Varese – SPRAR negato e nuovo bando per privati

(Foto da web)

Terminerà a breve il bando aperto dalla Prefettura di Varese, per l’accoglienza dei migranti che richiedono asilo. Tale bando è il secondo, rivolto questa volta anche ai privati, affinché aderiscano al progetto SPRAR, il Sistema di Protezione per Richiedenti asilo e Rifugiati, misura pubblica di gestione dei migranti, disertato dai Comuni.

Entro la fine dell’anno le previsioni indicano un possibile arrivo nella provincia di Varese di 2.500 richiedenti asilo, per i quali  sono stati stanziati circa 29 milioni di euro.

Il bando mira a trovare soggetti privati ai quali affidare i profughi secondo le linee stabilite dallo SPRAR, che sul fronte pubblico non ha riscontrato l’adesione della maggior parte dei Comuni del Varesotto, nonostante la stessa Prefettura punti ad una gestione pubblica della questione, a fronte di costi limitati per le Amministrazioni comunali, coperti al 95% dal Ministero dell’Interno.

print