10.8 C
Comune di Legnano
venerdì 26 Febbraio 2021

VARESE – La leggenda del cammello dei Re Magi, il dolce preferito dai varesini

Ti potrebbe interessare

Sequestrati 24 chili di hashish a Milano: la Guardia di Finanza arresta due stranieri

E’ successo nelle scorse ore a Milano: i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno sequestrato 24 Kg di hashish e arrestato...

Il presidente US Sangiorgese Claudio Pastori fa il punto della situazione sul 64esimo Campaccio Cross Country

Mentre prosegue senza sosta l’organizzazione del 64° Campaccio Cross Country, rimandato causa Covid-19 dalla classica data del 6 gennaio ad inizio primavera, sabato 20...

A Legnano cresce il Controllo del vicinato sempre più apprezzato

Con l’undicesimo gruppo commerciale il Controllo del vicinato supera le trecento adesioni tra i negozianti di Legnano. Come si legge in una nota, la...

Anche dal Circolone di Legnano in streaming “L’ultimo concerto?”

Si svolgerà domani, sabato 27 febbraio, alle 21, la diretta streaming dal Circolone di Legnano del gruppo musicale dei Punkreas, con “L’ultimo concerto?”, evento...

La storia del cammello di pasta sfoglia, il dolce preferito dai varesini per l’Epifania, raccontata in un segnalibro. L’assessorato al Marketing territoriale di Varese ha realizzato i segnalibro e li ha distribuiti alle pasticcerie e panifici della città: chi acquista il cammello «potrà scoprirne così l’origine e la tradizione tutta varesina», come spiega l’assessore Sergio Ghiringhelli.

Il testo
Il 6 gennaio è il giorno dei Re Magi: astronomi e sacerdoti che, secondo il Vangelo di Matteo, seguendo “l’astro” giunsero a Gerusalemme per adorare Gesù. Nel “Vangelo armeno dell’infanzia”, apocrifo, sono chiamati Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, portano in dono oro, prerogativa dei Re, incenso, l’aroma per gli Dei e mirra, sostanza dell’incorruttibilità. Si spostavano con cavallo, cammello e elefante, simboli dell’Europa, dell’Africa e dell’Asia. Le vesti dei Magi richiamano il cammino della coscienza umana verso la consapevolezza e il cammino del sole: il bianco dell’aurora, il rosso del pomeriggio e il nero della notte.
La leggenda ci ricorda che dal Varesotto passarono, secondo novelle locali, le reliquie dei Magi, rubate dal Barbarossa nella chiesa di Sant’Eustorgio Milano e da lui donate all’arcivescovo di Colonia. Sui cammelli, i varesini hanno creato un dolce dall’origine misteriosa: la forma deriverebbe dalla cavalcatura più conosciuta dei Re Magi e potrebbe essere la versione nobile di un dolce più antico e popolare, di frolla o di pane. Che la leggenda sia verità o fantasia, la presenza delle reliquie fece galoppare l’immaginazione. Non si sa dare confini precisi al “territorio del cammello”, ma si sa che nelle pasticcerie fuori Varese è difficile trovarlo. Pur esistendone molte varianti, quello “liscio” rimane il classico per eccellenza.

cammello dolce di varese

Articoli correlati

Sorpreso per la seconda volta senza patente: 36enne denunciato dai Carabinieri di Varese

E’ successo nella giornata di ieri, lunedì 8 febbraio: i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Varese hanno denunciato un 36enne...

Automobile in contromano lungo la tangenziale Est di Varese: scontro frontale

Attimi di apprensione ieri, martedì 29 dicembre, quando nel primo pomeriggio una vettura avrebbe imboccato la tangenziale Est di Varese in contromano. Inevitabile l’impatto con...

I Vigili del fuoco di Varese rendono omaggio alla Croce Rossa di Busto Arsizio

E successo ieri, domenica 13 dicembre, in mattinata: l’Associazione nazionale dei Vigili del fuoco di Varese ha reso omaggio alla Croce Rossa di Busto Arsizio,...

Un cinghiale nel traffico di viale Aguggiari a Varese

E’ successo ieri, martedì 1 dicembre, in serata: nel traffico automobilistico di viale Aguggiari a Varese all’improvviso è spuntato un esemplare di cinghiale adulto. L’animale...

Il Canile Municipale di Varese chiede aiuto

Il Canile Municipale di Varese è una struttura ormai inadeguata a ospitare i randagi e i cani abbandonati del territorio, soprattutto durante l’inverno. Si legge...