7.9 C
Comune di Legnano
giovedì 4 Marzo 2021

VARESE – Comunicato congiunto dei sindacati dei VVF sulle problematiche del NUE 112

Ti potrebbe interessare

Luanvi nel pacco gara degli atleti del prossimo Campaccio Cross Country

L’azienda spagnola Luanvi, tramite RV-Distribution, fa il suo ingresso nello sport italiano sostenendo l’evento internazionale Campaccio Cross Country Permit World Athletics, che si disputerà...

Al via lunedì 8 marzo i lavori stradali in via per San Giorgio a Legnano

Partiranno lunedì 8 marzo l’adeguamento funzionale e la messa in sicurezza della strada, in via per San Giorgio, a Legnano, con l’introduzione di un...

Fermata la baby gang delle aggressioni nel Milanese

E’ successo questa mattina, giovedì 4 marzo: i Carabinieri della Stazione di Solaro, nel Milanese, hanno fermato e sottoposto alla misura cautelare del collocamento...

Sanremo 2021: la seconda serata omaggia Ennio Morricone

Serata rivolta al passato quella di ieri, mercoledì 3 marzo, la seconda del Festival di Sanremo 2021: sul palco del Teatro Ariston si sono...

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato congiunto delle principali sigle sindacali dei Vigili del Fuoco in merito alle problematiche gestionali derivanti dal NUE 112 e dal 118:
“Da tempo nella provincia di Varese è stato istituito il numero unico per le emergenze o -NUE 112-. Così, quando un utente chiama uno dei vecchi numeri di emergenza 115, 113, 118 ecc, la chiamata viene ricevuta da un cosiddetto “operatore laico” che, dopo aver ricevuto le prime sommarie informazioni, le inoltra nuovamente all’Ente preposto a risolvere la chiamata. E qui nascono le prime problematiche. Spesso la richiesta di intervento può coinvolgere più servizi: Polizia, Servizi Sanitari e Vigili del Fuoco, come ad esempio accade per un incidente stradale. E’ a tal proposito evidente che, se ci sono persone incastrate negli abitacoli, i primi ad arrivare devono essere i pompieri che garantiranno ai sanitari il trasporto dei feriti e la messa in sicurezza di veicoli che potrebbero incendiarsi oppure precipitare in un dirupo se non efficacemente stabilizzati. Oltre al servizio offerto dal corpo sopra citato, vanno allertati i servizi di Polizia per regolare il traffico e per effettuare i rilievi delle responsabilità. Ma, per una strana convenzione, tutte le chiamate per un eventuale incidente vengono dirottate sempre e solamente alla sala operativa del Soccorso Sanitario. Per le chiamate in arrivo dalla provincia di Varese si trova a Villaguardia, nei pressi di Como. Questa situazione, oltre ad allungare i tempi di allertamento degli altri Enti, spesso innesca errori nella comprensione esatta della località da cui proviene la richiesta di soccorso, a causa della naturale scarsa conoscenza dell’orografia territoriale di altre province. Quindi, è facile comprendere come la decisione di allertare o meno altri Enti e servizi, è nella completa discrezione degli operatori NUE 112 e AREU 118. Per questi motivi, in più occasioni, si sono creati ritardi di parecchi minuti per l’allertamento e nel peggiore dei casi, si sono avuti addirittura dei mancati avvisi. Minuti preziosi, quelli di cui si parla, che potrebbero fare la differenza tra la vita e morte di una persona. Spesso ci siamo trovati dinanzi a cittadini infuriati che ci chiedevano chiarimenti inerenti il ritardo con cui stavamo intervenendo, per poi, da verifiche successive, accorgerci che eravamo stati allertati con gravi ritardi dagli operatori delle sale operative di cui sopra. Da soccorritori e da cittadini, potenziali vittime quando liberi dal servizio, non riusciamo a capacitarci di tali sottovalutazioni o sopravalutazioni delle richieste di soccorso e delle relative difficoltà e titubanza a disporre un allertamento generale di tutti gli Enti dedicati istituzionalmente al soccorso della popolazione. Per ovviare a queste problematiche, più volte segnalate a chi di competenza, a nostro avviso sarebbe più funzionale che in quei casi, dove la richiesta di soccorso può interessare più Enti, la telefonata vocale debba essere subito inoltrata all’Ente competente, ma contemporaneamente la scheda informatica dell’intervento potrebbe essere inviata telematicamente, per informazione e preallarme, anche agli altri potenziali attori del soccorso. Tale procedimento, avente una logica operativa, non è stata ne’ recepito, ne’ messo in atto in tutti questi anni dall’attivazione del NUE 112. Ci auspichiamo che queste problematiche vengano risolte nel più breve tempo possibile, soprattutto nell’interesse dei cittadini.”

FP-CGIL-VVF Marco Binda
FNS CISL Massimo Isgro’
UIL-PA VVF Rosario Galizia

Articoli correlati

Ore 01.55: nasce una bimba in casa a Legnano

Impossibile fare in tempo a raggiungere l’ospedale: ha partorito in casa a Legnano, la notte scorsa, una donna di 34 anni, assistita via telefono...

VARESE – Sospetta diffusione di sostanza irritante all’ospedale

Lunedì 9 maggio alle 10.30, i Vigili del Fuoco di Varese sono intervenuti presso l'ospedale di "Circolo" del capoluogo, in seguito ad alcune richieste...

VOLTORRE – Incidente tra auto, moto e furgone: intervengono i Vigili del Fuoco

Venerdì 6 maggio alle 14.00, i Vigili del Fuoco di Varese sono intervenuti nel comune di Gavirate (VA), in località Voltorre, sulla SP 1:...

BRUNELLO – A fuoco il tetto di una mansarda: due persone in ospedale

La sera di domenica 24 aprile alle ore 23.00, i Vigili del Fuoco di Varese sono intervenuti nel comune di Brunello, in via Santa...

LAGO MAGGIORE – Ben quattro interventi di soccorso dei Vigili del Fuoco il 25 aprile

Lunedì 25 aprile i vigili del fuoco del fuoco sono stati impegnati sulle acque del lago Maggiore per ben quattro interventi di soccorso . Il...