sabato, 28 Gennaio 2023

Una storia di razzismo: nei teatri italiani l’attualità di “A spasso con Daisy”

Grande successo registrato in tutti i teatri dove è stato presentato, continua a far sorridere e riflettere “A spasso con Daisy”, adattamento teatrale della pellicola pluripremiata con un Premio Pulitzer e quattro Oscar e che vide protagonista l’indimenticata Jessica Tandy, vincitrice della statuetta come miglior attrice.
La Daisy teatrale è interpretata da Milena Vukotic, capace di raccontare con ironia un tema duro come quello del razzismo nell’America del Dopoguerra. La storia dell’anziana maestra Daisy ormai pensionata e del suo autista di colore è da sempre un sicuro successo.
Scritta da Alfred Uhry, che vinse il Premio Pulitzer per la Drammaturgia nel 1988, arrivó sul grande schermo l’anno successivo aggiudicandosi oltre ai quattro Oscar, numerosi altri premi.

Il riadattamento teatrale ad opera di Mario Scaletta, per la regia di Guglielmo Ferro, vede tra gli altri interpreti anche Salvatore Marino nei panni dell’autista Hoke, e Maximilian Nisi che interpreta Boole il figlio di Daisy, parti affidate nel film agli straordinari Morgan Freeman e Dan Aykroyd.
La delicata commedia incentrata sull’amicizia e il profondo rispetto di due persone diversissime e dalle vite opposte, ma alla fine completamentari, in un’America che negli anni cambia e cambia inevitabilmente i due protagonisti, è un tema scottante e ancora più che mai attuale, che ancora oggi dovrebbe far riflettere.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI